Merlino: “Lo Cicero ha ‘aggredito’ una nostra cronista”, lui pubblica un video che non chiarisce

M5S

L’ex campione di rugby Andrea Lo Cicero, probabile prossimo assessore nella giunta Raggi, dopo “zingari e gay” di nuovo nell’occhio del ciclone

Ancora problemi per Andrea Lo Cicero,  indicato da Virginia Raggi come assessore allo Sport del Comune di Roma, che è protagonista per la terza volta in pochi giorni di polemiche prima per le sue dichiarazioni e ora per un episodio avvenuto con la giornalista Elisa Covelli.

Durante la trasmissione L’Aria che tira in onda su La7 in mattinata, il “Barone” come viene chiamato, è stato protagonista del racconto fatto in studio da Myrta Merlino.

Secondo le parole della conduttrice, l’ex campione di rugby avrebbe “aggredito” una giornalista che tentava di intervistarlo. “Devo dirvi una cosa a proposito dei toni. La nostra inviata Elisa Covelli ci ha fatto sapere che era andata a cercare l’assessore in pectore del Comune di Roma Andrea Lo Cicero nei pressi della fabbricazione a Nepi vicino Viterbo, per intervistarlo. Lei è dai carabinieri, sta sporgendo denuncia per violenza privata e danneggiamento perché ha aggredito lei e l’operatore e ha danneggiato la telecamera. Domani faremo vedere le immagini“, ha detto la Merlino nel finale della trasmissione.

A poche ore dalla messa in onda della puntata, il diretto interessato ha pubblicato sulla sua pagina Facebook un video in cui viene ripresa la scena con i tre protagonisti della vicenda: lui, la giornalista e l’operatore. Nel video si vede l’inviata de La7 lamentarsi al telefono del trattamento riservato da Lo Cicero che, a suo dire, avrebbe staccato l’obiettivo dell’operatore e le avrebbe impedito di abbandonare la proprietà parcheggiando il suo suv proprio sull’unica via per l’uscita.

Dopo le polemiche per la frase contenuta nella sua autobiografia, scritta assieme al giornalista Paolo Cecinelli: “Io uso solo il paradenti, non ho altre protezioni, le trovo stupide. Non sarebbe rugby. Devi essere te stesso, senza alcun aiuto. Ci sono molti giocatori, specie quelli più giovani di me, che usano le protezioni per le spalle. Roba da frocetti“, Lo Cicero si era difeso spiegando che si trattava di “un intercalare che si usa tra compagni di squadra”.

L’ex rugbista non ha comunque schivato le numerose accuse di omofobia a cui si sono aggiunte ulteriori lamentale per un altro episodio. L’ex rugbista della Nazionale prescelto da Virginia Raggi come membro di punta della prima giunta grillina insediata in Campidoglio aveva infatti commentato durante un’intervista video il passaggio di una macchina rossa  alle sue spalle.

Zingari di m…“. E’ l’insulto razzista estrapolato dall’intervista registrata allo stadio Flaminio lo scorso febbraio. Un commento che ha creato ulteriori problemi allo sportivo.

Ora, in attesa di vedere le immagini annunciate dalla trasmissione L’Aria che tira, la posizione che Lo Cicero dovrebbe ricoprire appare sempre più in bilico. Fosse solo per dubbi che la stessa base grillina sta sollevando.

Vedi anche

Altri articoli