Il Piano Crescita Digitale entra nel vivo: ecco come

Tecnologia
Internet pc computer

Il documento soddisfa alcuni requisiti considerati dalla Commissione indispensabili per la spesa dei fondi

Via libera dell’Europa al Piano Crescita Digitale 2014-2020. Un sì atteso da mesi che consente lo sblocco di circa 4,6 miliardi di investimenti in innovazione tecnologica nel nostro Paese. Il visto di Bruxelles arriva al termine di un percorso che ha visto la collaborazione dell’Agenzia per l’Italia Digitale, l’Agenzia per la Coesione Territoriale e il Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Il documento soddisfa alcuni requisiti considerati dalla Commissione indispensabili per la spesa dei fondi e che garantiscono la sussistenza di condizioni programmatiche, regolatorie, di pianificazione e strumentazione operativa, necessarie ad assicurare l’efficacia degli investimenti.

Questo passaggio apre la strada all’utilizzo di circa 1 ml e 200 milioni di fondi strutturali destinati da amministrazioni centrali al raggiungimento dell’obiettivo Agenda Digitale (Obiettivo Tematico 2 delle politiche di coesione a sostegno della crescita per il periodo 2014-2020), che si aggiungono alle altre risorse messe in campo per l’attuazione della Strategia, per un valore complessivo che supera i 4,5 miliardi.
Il Piano Crescita Digitale attinge, infatti, da più fonti di finanziamento. Da considerare, ad esempio, il consistente stanziamento nei bilanci regionali destinato al finanziamento della sanità digitale, al rafforzamento delle competenze digitali e al miglioramento dei servizi destinati alle aree urbane (smart city & smart community). Altre risorse, circa 700 milioni di euro, risiedono in una serie di assi che riguardano altri Obiettivi Tematici di 7 Programmi operativi nazionali.

Sono 17 le azioni previste dal Piano, raggruppate in tre grandi macroaree: infrastrutture trasversali, piattaforme abilitanti e programmi di accelerazione. Nella prima rientrano la realizzazione del Sistema pubblico di connettività e la predisposizione del wifi in tutti gli edifici pubblici (1400 mln), la digital security per la PA (19 ml), il consolidamento dei data center e del cloud computing (650 mln), il Servizio pubblico dell’identità digitale (Spid, 45 mln). Nella seconda l’Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr, 74 mln), i pagamenti e la fatturazione elettronica (34 mln), l’e-procurement (10 mln), gli open data (35 mln), la sanità digitale (740 mln), la giustizia digitale (80 mln), la scuola digitale (350 mln), il turismo digitale (6 mln), l’agricoltura digitale (33 mln). Nella terza il progetto “Italian login – la casa del cittadino” (350 mln), le competenze digitali (350 mln), Smart city e communities (420 mln).

Entra, quindi, nel vivo l’implementazione del Piano Crescita Digitale affidato alla figura del commissario all’Agenda digitale, Diego Piacentini, l’ex numero due di Amazon chiamato direttamente dal Presidente del Consiglio a coordinare per i prossimi 2 anni il processo di digitalizzazione della macchina statale. Piacentini si avvarrà dell’importante supporto dell’Agenzia per l’Italia digitale (Agid).

Vedi anche

Altri articoli