Il miglior 11 all time dell’Inghilterra

Dream team
beckham

Quest’anno potrebbe essere la volta buona per la Nazionale inglese per conquistare un trofeo che non è riuscita mai a vincere

Gli inglesi da sempre si considerano i padri del calcio, nella prima metà del secolo scorso addirittura erano restii a giocare contro non inglesi, ritenuti non degni di poter scendere in campo contro di loro. Questa superiorità morale, da sempre professata dagli inglesi, però, sul campo non si è vista. Nonostante nella storia abbia avuto giocatori eccelsi e squadre di club vincenti, come nazionale non ha vinto molto. Il suo unico successo risale al 1966, al Mondiale casalingo, su cui c’è l’ombra di quel gol fantasma di Geoff Hurst.

Per schierare l’Inghilterra abbiamo scelto il 4-4-2, modulo che riesce a risaltare al meglio il talento dei bianchi.

Dreamteam2016_INGHILTERRAIn porta abbiamo scelto il campione del mondo Gordon Banks, che ha difeso la porta dei Tre Leoni per 9 stagioni, Nel suo palmarès oltre al Mondiale del 1966 c’è anche il terzo posto agli Europei del 1968.

La linea difensiva a destra vede Gary Neville, colonna del Manchester United di Ferguson e protagonista dell’europeo casalingo chiuso in terza posizione nel 1996. A sinistra Ashley Cole, protagonista dell’Inghilterra nella prima decade degli anni 2000.

Al centro schieriamo Rio Ferdinand, leader della difesa della nazionale dal 1997 al 2011, e grande protagonista insieme a Neville del Manchester United di Ferguson. Al fianco di Ferdinand schieriamo Bobby Moore, capitano della nazionale campione del mondo nel 1966 e che con Ferdinand ha in comune l’inizio carriera nel West Ham, squadra londinese che ha reso grandi i due centrali difensivi più forti della storia dell’Inghilterra.

Il centrocampo inglese è forse uno dei più completi della storia del calcio. A destra David Beckham, stella assoluta della nazionale inglese a cavallo tra la fine del XX secolo e gli inizi del XXI. Lo Spice Boy è stato uno delle ali destre più forti e rappresentativi del calcio, una stella di livello mondiale che ha contribuito a diffondere il calcio nel mondo. A sinistra, invece, schieriamo John Connelly, ala offensiva protagonista nella vittoria del mondiale del 1966. Al centro Steven Gerrard, storico capitano del Liverpool e terzo giocatore per numero di presenze con la maglio della nazionale. Al suo fianco Paul Gascoigne, giocatore dal talento sopraffino, forse mai espresso a causa della sua vita sregolata fuori dal campo.

In attacco non poteva non essere inserito tra i migliori 11 inglesi Bobby Charlton assoluto protagonista della vittoria del Mondiale del 1966 e secondo attaccante più prolifico della nazionale inglese. Per molti anni l’attaccante del Manchester degli anni ’60 ha mantenuto il primato di marcatore della nazionale, finché non è stato superato da colui che abbiamo scelto come suo compagno d’attacco: Wayne Rooney, che come Charlton è un giocatore dei Red Devils. Sin dall’esordio in Nazionale, non ancora diciottenne l’attaccante dello United ha dimostrato tutta la sua classe e la sua duttilità offensiva.

 

Vedi anche

Altri articoli