Il Grande Dittatore di Charlie Chaplin compie 75 anni

Cinema
Il-grande-dittatore

Il 15 Ottobre 1940 vede la luce uno dei capolavori della storia del cinema. Lo celebriamo riproponendovi la straordinaria scena del mappamondo

Ad Ottobre del 1940 Hitler ha in pugno l’Europa e sta pianificando l’invasione dell’Unione Sovietica. Il 15 dello stesso mese esce nelle sale di New York “Il Grande Dittatore”, primo lungometraggio interamente parlato di Chaplin, basato sulle vicende del dittatore di Tomania Adenoid Hynkel e del suo sosia, un barbiere ebreo, che raccoglie idealmente l’eredità di Charlot dandogli voce.

Nell’immaginario collettivo la contrapposizione tra questi due personaggi, esteticamente identitici sul grande schermo, riflette quella di due personalità antitetiche nella vita reale: il führer, simbolo del terrore, e Chaplin, l’uomo che ha plasmato il cinema.

Incubo e Sogno si scontrano su di un piano che non può essere quello della cruda realtà, dove si continua a seminare morte, ma che è quello della dimensione cinematografica; e in questo terreno l’arma della satira si rivela, simbolicamente, un corpo contundente per infliggere colpi esiziali al regime nazista.

Chaplin ha in mente per il film due possibili finali: il celebre discorso all’umanità del barbiere che arringa la folla, e una danza surreale, allegra e pacifista, che coinvolge tutti i soldati. L’aggravarsi della situazione internazionale lo porta ad optare per la prima soluzione, nell’intento di consegnare un messaggio più esplicito e urgente al mondo: la prima scena avrebbe invece scelto la chiave dell’umorismo.

Ed è proprio quest’ultima la ricetta di uno dei momenti più suggestivi di tutto il film, la danza del mappamondo, in cui Chaplin adotta l’umorismo inteso come “sentimento del contrario” . La scena del tiranno, che danza compiaciuto con un mappamondo che finisce per bucarsi, sostituisce all’immagine del führer quella di un bambino inerme a cui hanno sgonfiato il pallone, e diventa la nitida premonizione del destino infausto di chi vuole giocare con le sorti del pianeta.

Vedi anche

Altri articoli