Il gioco del futuro è già qui: Mattel presenta la stampante 3D per i bambini

Tecnologia
tm

Il produttore di giocattoli presenta la sua stampante 3D: costa 300 dollari e permetterà di creare giochi

Un gioco per creare giochi, chi non vorrebbe averlo? E’ questa l’idea geniale della Mattel, che sta lanciando sul mercato la prima stampante 3D per bambini.

Si chiama ThingMaker, cioè “crea-cose” e funziona davvero grazie ad un’app per iPhone e iPad. Progettata in collaborazione con Autodesk, sarà in vendita nei negozi a partire dal prossimo autunno, ma su internet è possibile preordinarla al prezzo lancio di 299,99 dollari.

 Il funzionamento si basa sull’interazione con l’app ThingMaker Design disponibile per Android e iOS, attraverso cui si potrà selezionare le parti da stampare da un catalogo predefinito, oppure crearne di nuovi. L’applicazione, infatti, viene corredata da decine di progetti già pronti ma permette anche la progettazione da zero di personaggi che i bambini possono personalizzare con diversi colori o forme, unendo semplicemente i vari pezzi con un meccanismo a incastro. Il processo di stampa può richiedere dai 30 minuti, per piccoli oggetti, fino a 6-8 ore per accessori più grandi. Mattel assicura che si potranno stampare anche accessori per altri giochi già in vendita, come Barbie o Hot Wheels. Una vera e propria rivoluzione.

1A differenza del primo prototipo, il forno Creepy Crawlershe, che usava una sostanza plastica chiamata Plastigoop per creare piccole figure, personaggi e insetti di ogni tipo ma utilizzava altissime temperature (si poteva arrivare fino a 200 gradi), Think Maker è molto più sicuro. Il gioco viene infatti dichiarato sicuro per i bambini dai 3 anni di età: la testina di stampa a caldo viene ritratta quando il dispositivo non è in uso, o quando viene aperto lo sportello frontale. I primi collaudatori hanno descritto il gioco come “veloce”, “facile” e ” intuitivo”. Non sarà facile contenere la fantasia dei bambini, ma possiamo scommettere che anche i grandi saranno entusiasti.

Vedi anche

Altri articoli