Il FT fa sapere che la linea dell’articolo critico su Renzi non è quella del giornale

Governo
Copies of the English edition of the Financial Times are handed out at the central station in Hamburg, Germany, 07 December 2012. After 13 years, the FTD sells its final issue. Photo: Bodo Marks

Il commento di Barber è suo personale, dice il giornale londinese a Huffington Post Italia

Il Financial Times ha preso le distanze dall’articolo di Tony Barber molto critico verso il governo Renzi: non è la linea del giornale ma un commento personale dell’editorialista. 

Il giornale londinese, per vie interne, lo ha fatto sapere ai sostenitori della campagna per il Sì al referendum.

La presa di distanza dall’articolo di Barber, di cui Unità.tv ha dato conto in mattinata, è stata ulteriormente ripresa – con tanto di virgolettato del Ft – da Huffington Post Italia in un pezzo del vicedirettore Gianni Del Vecchio.

Barber aveva scritto che le  riforme costituzionali del governo Renzi sono “un ponte verso il nulla“. Piuttosto, sarebbe meglio che l’esecutivo italiano facesse “meno leggi, ma di migliore qualità“, concludendo tranchant: “La riforma non farà molto per migliorare la qualità del governo e della politica”.

Lo stesso Barber, come si ricorda qui, aveva espresso tutt’altro parere il 5 luglio, e più in generale le corrispondenze da Roma del FT pur non sorvolando sulle criticità dell’azione del governo italiano, non hanno mai dato l’impressione di essere ostili. Per questo il pezzo di Barber aveva destato sorpresa: ma oggi è stato ridimensionato dallo stesso giornale londinese.

Vedi anche

Altri articoli