Il contrattacco di De Luca: “Io sono parte lesa”

Campania

“Non so chi sia questo Manna”, il marito della giudice relatrice della sentenza che sarebbe stata “aggiustata”

“Io sono parte lesa”. Com’è nel suo stile Vincenzo De Luca passa al contrattacco. Pressato dalle indagini per corruzione di un giudice, che avrebbe “aggiustato” la sentenza sulla applicazione della legge Severino, il Governatore della Campania si è presentato stamane a Napoli ai giornalisti per un intervento molto duro su quella che definito “una speculazione” contro la quale intende difendersi “in tutte le sedi”.

>>> Perché De Luca è finito nel registro degli indagati – La scheda

“Non so chi sia questo Marra”, ha detto De Luca riferendosi al marito della giudice del tribunale di Napoli Anna Scognamiglio, relatrice della sentenza.

Il Governatore, in premessa, ha detto: “Io considero i controlli di legalità nel nostro Paese un bene per le persone oneste, una funzione essenziale in un paese democratico. Sostengo pienamente l’azione della magistratura. Vada avanti con estremo rigore in tempi rapidi. I cittadini taliani hanno il diritto di sentirsi rappresentati da persone per bene” . Ma a preoccupare De Luca sono gli effetti collaterali come il “massacro mediatico delle persone e delle istituzioni. Un segno di barbarie nel nostro paese e un oltraggio permanente allo Stato di diritto e alla Costituzione Italiana”.

Vedi anche

Altri articoli