Vip e mondo della cultura in campo per Sala

Amministrative

Un video, un appello e una lettera per testimoniare il sostegno al candidato del centrosinistra a Milano. Ecco tutti i nomi

Un video realizzato da vip che scendono in campo come testimonial e un appello sottoscritto da 222 personalità del mondo della cultura. Sono due delle ultime armi schierate da Beppe Sala nella campagna elettorale in vista del ballottaggio di domenica.

Linus (già ‘chiamato’ da Sala nella sua squadra in caso di vittoria), Costantino della Gherardesca, Victoria Cabello, Davide Oldani, Nicola Savino, Enrico Bertolino e Paola Turci sono i testimonial che hanno realizzato insieme al candidato del centrosinistra un video pubblicato sulla sua pagina Facebook. Un breve filmato nel quale si parla di una Milano globale, efficiente e accogliente, “che non lasci indietro nessuno”.

A questo, si affianca un appello firmato da nomi quali quello del regista premio Oscar Gabriele Salvatores, del filosofo Salvatore Veca, dell’attrice e scrittrice Lella Costa, del cantautore Eugenio Finardi, dell’artista e scrittore Emilio Isgrò e dell’attrice Cristiana Capotondi. “Negli ultimi cinque anni la cultura è tornata ad essere forza trainante per la città – si legge nel testo – ne ha alimentato il dibattito pubblico e incrementato il patrimonio cognitivo, ha creato sviluppo sociale e attratto risorse economiche, ha favorito dialogo, crescita e tolleranza. Grazie a questo impulso Milano si è risvegliata città inclusiva, innovativa e internazionale; ora Beppe Sala può realizzare pienamente questa vocazione, con un programma nato da un confronto aperto con una pluralità di voci e di interlocutori del mondo della produzione culturale e del pensiero creativo. La città della cultura e della conoscenza vuole proseguire in questo cammino, con Beppe Sala Sindaco”.

Infine, a sostenere la candidatura di Sala è giunta una lettera dell’oncologo Umberto Veronesi, nella quale l’ex mr. Expo è definito “la persona che oggi può garantire al meglio un futuro di benessere ai milanesi”.

 

Vedi anche

Altri articoli