I premi Oscar da Renzi per la legge sul cinema

Cinema
ok cinema

Benigni al termine dell’incontro: “E’ stato un momento straordinario del quale siamo grati al presidente Renzi e al ministro Franceschini”

Nel giorno in cui il Consiglio dei ministri esaminerà il ddl di riforma del Cinema, il premier Matteo Renzi, con il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, ha incontrato a Palazzo Chigi quattro registi italiani premi Oscar: Bernardo Bertolucci, Giuseppe Tornatore, Roberto Benigni e Paolo Sorrentino.

La notizia è stata data dal portavoce del Premier Filippo Sensi con una foto su twitter.

I due premi Oscar Roberto Benigni e Paolo Sorrentino giunti a Palazzo Chigi hanno scherzato con i giornalisti: “Sono qui a votare quella legge li’, la legge sui tombini” ha ironizzato Benigni con chi che gli chiedeva il motivo della sua presenza. E ancora: “Lei che ci fa qui? Io sono qui tutti i giorni e non la vedo mai” ha sorriso l’attore e regista.

Al termine dell’incontro Roberto Benigni ha scherzato sul caso delle statue coperte: “La figuraccia delle statue coperte? Renzi ci ha accolto benissimo perché erano tutti nudi. Ci ha accolto nudo“.

I registi hanno poi commentato il tema centrale dell’incontro, il ddl sul cinema. “Non abbiamo chiesto nulla, abbiamo ascoltato, ha detto molte cose importanti” ha detto Giuseppe Tornatore lasciando Palazzo Chigi. “La sensazione è che ci sia la volontà molto forte di dare uno sprint alla cultura italiana e quindi anche al cinema“, continua il premio Oscar. Dopo cinquant’anni ci sarà una nuova legge? “Abbiamo avuto questa sensazione. Il modello potrebbe essere il cinema francese, abbiamo parlato anche di quello ma non si procede per copia e incolla…” conclude. Sull’argomento Benigni ha aggiunto: “Abbiamo discusso solamente della legge sul cinema, non si legifera da tanti anni, è stato un momento straordinario del quale siamo grati al presidente Renzi e al ministro Franceschini”.

Vedi anche

Altri articoli