“I Medici” record di ascolti su Rai Uno, ma le prime due puntate non convincono

Televisione
schermata-10-2457681-alle-18-08-38

Sette milioni e mezzo di spettatori per uno share che sfiora il 30%. I numeri danno ragione alla Rai ma le prime due puntate della serie non decollano

Doveva essere l’evento televisivo dell’anno stando alla roboante presentazione che ne era stata fatta: e in effetti I Medici – Masters of Florence, la nuova serie prodotta dalla Rai, ha raggiunto ascolti da capogiro. La prima puntata, andata in onda ieri sera su Rai 1, ha totalizzato 7 milioni e 562 mila spettatori, per uno share del 29.9 %.

La fiction è incentrata sulle vicende della famiglia Medici, che viene seguita durante la sua ascesa al potere, ma il tratto caratterizzante del serial più che la trama è l’investimento che è stato fatto per produrlo; i creatori sono i blasonati Frank Spotntz e Nicholas Meyer, entrambi americani, sceneggiatore e produttore il primo, scrittore, produttore cinematografico e regista il secondo; la sigla iniziale è affidata a Skin degli Skunk Anansie, fresca di giuria a X Factor Italia 2015; e nel cast figurano, tra gli altri, Dustin Hoffman e Richard Madden, già protagonista della serie Game of Thrones.

La partecipazione di quest’ultimo non ci sembra una mossa causale perché, almeno dalle prime due puntate andate in onda, I Medici ricorda molto da vicino una versione edulcorata del sopra citato serial americano: solo che al posto della violenza e di una certa crudezza dell’originale qui appare tutto più morigerato, forse per evitare di turbare le fasce di pubblico più “esposte”. Un ulteriore freno alla possibilità che la serie spicchi il volo è costituito da un doppiaggio non proprio impeccabile, addirittura con qualche fuori sincrono; quindi, seppure siamo avanti anni luce rispetto ad alcune produzioni a cui ci aveva abituato la Rai, possiamo affermare che la strada da percorrere per avvicinarsi agli standard più elevati del genere sia ancora lunga.

Certo, si tratta solo delle prime puntate e si sa che i serial per ingranare qualche volta (ma per fortuna non sempre) richiedono di affrontare un piccolo scoglio iniziale. Quindi, se non avete la ferrea convinzione che il buongiorno si veda dal mattino, vi aspettano altre sei puntate da 50 minuti l’una. Nella speranza che, prima o poi, questi Medici si lascino un po’ andare.

Vedi anche

Altri articoli