Homeland torna a casa per la sesta stagione

Serial
HOMELAND-QUINN

Dopo due stagioni girare tra Afghanistan, Pakistan ed Europa la celebre serie tv torna negli Stati Uniti. La quinta stagione aveva lasciato in sospeso la sorte di Peter Quinn

Dopo due stagioni girate all’estero, la celebre serie tv, apprezzatissima da critica e pubblico, tornerà negli Stati Uniti, in particolare a New York e dintorni. Lo ha rivelato alla stampa il presidente di Showtime Devid Nevins.

“Penso che Alex Gansa (l’autore di Homeland) abbia voluto tornare a fare una storia tutta americana. Gli attori saranno felici di tornare negli Stati Uniti per un altro anno, dopo che le stagioni 4 e 5 sono state girate tra Afghanistan, Pakistan e vari paesi europei”.

Per quanto riguarda il futuro della serie, dopo la sesta stagione, Nevins ha assicurato che cono sono ancora state prese decisioni, ma ha ammesso di conversazioni “ancora vaghe” su una possibile chiusura della saga che ha come protagonista l’agente della Cia Carrie Madison: “Non ci sono ancora risposte definitive, sta tutto sotto il loro controllo (degli autori, ndr)”.

Di contro Gary Levine, presidente della programmazione di rete, ha detto che lo spettacolo potrebbe avere ancora “molte stagioni davanti a sé”.

La quinta stagione era terminata nel mese di dicembre con un finale che lascia aperto un futuro ancora indefinito, sopratutto per quanto riguarda le sorti di Peter Quinn, altro agente della Cia in fin di vita.

Nessuno spoiler, ha chiarito Nevins. “Gli autori stanno lavorando nello specifico e sono molto attenti a come mostrare e raccontare le storie. Chiaramente non c’è ancora una risposta definitiva ma una cosa è certa: lo stato di salute di Quinn è gravemente compromesso, e anche se dovesse rimanere in vita non sarà in alcun modo nella stessa forma di come ha vissuto fino a oggi”.

 

Vedi anche

Altri articoli