Hollande: “Saremo spietati contro la barbarie dell’Isis”

Parigi
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING; NO TV +++


Il presidente francese François Hollande mentre annuncia la chiusura della frontiere: "Dobbiamo difenderci", ha detto in diretta tv, Parigi, 14 Novembre 2015. ANSA/ TV/ BFM TV

“La Francia è ferita ma è forte e oggi si rialza e nulla potrà prenderla alla sprovvista” ha detto il presidente francese parlando alla nazione

“Le forze sicurezza, a cui dobbiamo rendere omaggio per il lavoro svolto, sono mobilitate al più alto livello della loro possibilità” e “i militari pattuglieranno le sedi chiave del Paese”. Lo ha dichiarato il presidente francese François Hollande intervenuto in diretta tv per parlare a una nazione sconvolta dopo una nottata di violenza e terrore. “La Francia è stata aggredita in modo vergognoso e sarà spietata contro la barbarie dell’Isis” ha detto Hollande dichiarando che si tratta di “un atto di guerra”.

“In questo periodo così decisivo e doloroso per nostro paese, faccio appello all’unità” dei cittadini e delle forze politiche: “la Francia -ha detto Hollande – è stata ferita ma è forte e oggi si rialza e nulla potrà prenderla alla sprovvista. La Francia è vigile e trionferà sulla barbarie e la forza che siamo in grado di mobilitare ci convince”.

Hollande ha annunciato, inoltre, tre giorni di lutto nazionale e lunedì parlerà davanti al Parlamento riunito a Versailles.

Vedi anche

Altri articoli