Hillary Clinton entra nella storia: vince la nomination e corre per la Casa Bianca

Usa2016
download

“Se c’è una ragazzina in ascolto, ho un messaggio per lei: io posso diventare la prima donna presidente, ma tu sarai la prossima”

L’ex segretaria di Stato Hillary Clinton ha vinto la nomination democratica per correre per la Casa Bianca nel prossimo novembre, diventando la prima donna candidata alla presidenza degli Stati Uniti del Partito democratico, che la ha eletta per acclamazione, su richiesta del suo rivale alle primarie, il senatore Bernie Sanders.

L’ex segretaria di Stato ha vinto con il sostegno di 2.842 delegati, mentre Sanders è stato sostenuto da 1.865, con 56 astensioni. Lo stato di Sanders, il Vermont, ha chiesto di essere l’ultimo a votare, e quando è venuto il suo momento il senatore ha invitato tutti i delegati che hanno sostenuto la sua candidatura alla convention democratica a un voto unanime a favore della ex segretaria di Stato.

Clinton è stata così eletta per acclamazione, tra gli applausi e le urla dei partecipanti alla convention: Bernie Sanders ha così “imitato” l’elegante gesto che l’ex first lady fece nel 2008 con l’allora senatore Barack Obama alla convention democratica di Denver in Colorado, di fatto riconoscendo la sconfitta e invitando il partito alla coesione. All’epoca perdente alle primarie, chiese di votare per Obama che fu quindi proclamato candidato alla presidenza all’unanimità. Sanders e sua moglie, Jane, hanno assistito al voto a Filadelfia, mentre Clinton l’ha seguita dalla sua casa a New York.

Protagonista della serata l’ex presidente Bill Clinton, un vero e proprio mattatore che ha coinvolto tutta la platea con un discorso appassionato.

“Mia moglie è la migliore change-maker che abbia mai conosciuto, una che ha dedicato tutta la sua vita a migliorare la vita di altre persone. L’america non può non sceglierla”. In un discorso molto personale, incentrato sulla loro vita familiare in comune e poco sui programmi, l’ex presidente americano ha sottolineato che Hillary è “una che costruisce il cambiamento. Lei cambia le cose davvero”. Non il “cartone animato proposto da un altro cartone animato”. “Eleggete Hillary e non vi mollerà. I vostri figli e i vostri nipoti vi benediranno. Renderà il Paese più forte, lo so perché ha trascorso tutta la vita a farlo con me”. Rivelando di aver “sposato la mia migliore amica”, Bill ha raccontato il loro incontro, i loro 40 anni di vita e poi il presente. Nonché le scelte difficili che Hillary dovette fare per conciliare le sue ambizioni professionali con la famiglia e la carriera politica del marito. Nonostante ciò ha sempre lavorato con spirito di servizio, impegnandosi per la collettività, dai bambini alla scuola, dalla sanità alle minoranze più bisognose. “Questa donna non è mai stata soddisfatta dello status quo. Vuole sempre vuole sempre alzare l’asticella. E’ una che puoi mollare nel posto più disagiato e inguaiato, e quando ci tornerai, lei lo avrà reso un po’ migliore”, ha detto.

A seguito della votazione è arrivato subito il commento della candidata democratica: “Che onore incredibile mi avere dato”, ha detto Hillary  in un collegamento via satellite. “Sono così orgogliosa perché oggi abbiamo appena rotto il più alto soffitto di vetro nella nostra storia”, ha aggiunto l’ex first lady, riferendosi metaforicamente alle barriere invisibili che le donne devono affrontare nel loro avanzamento di carriera. “Se c’è una ragazzina in ascolto, ho un messaggio per lei – ha concluso – io posso diventare la prima donna presidente, ma tu sarai la prossima”.

Vedi anche

Altri articoli