Vergogna-Grillo, tweet omofobi su Vendola

M5S
beppe-grillo-napolitano

Dall’account ufficiale del comico genovese i retweet sono stati poi cancellati

In un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo, Vendola viene rappresentato in versione bebè, con tanto di ciuccio e tutina celeste. È il metodo con cui il leader del Movimento 5 Stelle polemizza contro l’ex governatore della Puglia, reo di andare in pensione a 57 anni con un vitalizio da 5mila euro al mese.

bebyvendola

“Dopo anni di lotte a favore dei lavoratori passati tra i banchi di Montecitorio e la buvette della Camera finalmente il compagno Vendola è giunto alla pensione” si ironizza ironizza sul blog dell’ex comico dove viene lanciato anche l’hashtag #BabyVendola.

 

 

E fin qui niente di male. La “poca eleganza” si manifesta però quando il profilo Twitter di Beppe Grillo re-twitta un “cinguettio” con insulti omofobi, alimentandone la diffusione. 

Il tweet, al momento, è scomparso dalla timeline del profilo ufficiale dell’ex comico. Ma la polemica continua.

Anche Alessandro Di Battista, deputato del M5S e membro del direttorio del Movimento, si è sfogato con un tweet chiuso da un laconico “Toh, i comunisti!”

CatturaPer colpire e affondare bene il bersaglio, però, molti si sono fatti prendere la mano, si sa la rete non ama sfumature.

Peccato che qualcuno ci sia andato giù pesante con allusioni sessuali e omofobe dirette all’ex governatore della Puglia.

Ciò che scandalizza è che lo stesso account ufficiale di Grillo abbia rilanciato  gli attacchi senza curarsi di un contenuto così violento.

Cattura2Non si può dire nemmeno che sia stato un errore visto che i tweet di questo registro sono stati più di uno.

 

Arriva infine la replica di Vendola: “Se fossi ricco come Beppe Grillo volentieri rinuncerei al vitalizio” afferma il presidente di Sel. “Sono stato eletto deputato in cinque legislature e presidente di regione per due legislature – sottolinea – e tutti sanno che non mi sono arricchito e che non ho rubato”. “Sono anche orgoglioso del fatto – aggiunge Vendola – che la mia sia l’unica regione non coinvolta in rimborsopoli”.

 

Vedi anche

Altri articoli