Grillo molla il M5S: “Rivoglio la mia libertà”

M5S
beppe-grillo

In un’intervista al Corriere della Sera, Grillo presenta il suo nuovo tour e dice: “Voglio tornare a far ridere”

“Non avrei mai pensato di essere l’artefice di un movimento politico. Si è creata una confusione di ruoli. Io non sono il leader dei 5 Stelle”.

Beppe Grillo si smarca dal M5S e rilascia una lunga intervista a Pasquale Elia sul Corriere della Sera. L’intervista, non a caso, viene pubblicata fra le pagine della cultura, lontana quindi dalla politica. Ma sarà un vero e proprio ritiro? “Non mi sto allontanando – dice Grillo – diciamo che faccio un passo di fianco. Ma sono sereno perché ho voglia di riconquistare la mia libertà”.

“Non avrei mai pensato di essere l’artefice di un movimento politico. Ma forse era destino”, afferma. “È successo tutto quasi per caso: la gente usciva dai miei show distrutta, ma anche ringraziandomi per le cose che dicevo. Allora mi sono detto: perché tutte queste esperienze non proviamo a raggrupparle? Ecco, il Movimento è nato più o meno così. Ma attenzione: io non posso essere la visione del Movimento”.

Le parole dell’ormai ex leader sono sincere? O sono semplicemente una trovata pubblicitaria per lanciare il nuovo tour, che prenderà il via agli inizi di febbraio? “Io sono sempre quel comico che avete conosciuto negli anni, è il vostro punto di vista nei miei confronti che è cambiato”, dice. Per questo il rimedio è una terapia di gruppo: lo spettacolo «Grillo vs Grillo». Nello spettacolo, dice “ci saranno dei robot in scena, degli oggetti su cui proietterò dei filmati, e inoltre ci sarà il mio ologramma che finirà per rappresentare quella schizofrenia di cui sono rimaste vittime le persone”.

Vedi anche

Altri articoli