Grande successo per Cinema2Day, ieri 1 italiano su 100 in sala

Cinema
schermata-09-2457647-alle-17-37-04

L’iniziativa lanciata dal Mibact di abbassare a 2 euro il prezzo del biglietto ogni secondo mercoledì del mese ha fatto registrare quasi 600 mila biglietti venduti (vicine al triplo delle vendite dell’anno scorso)

schermata-09-2457647-alle-17-41-41

“Un grande successo, fatto di dati che non riscontravamo da decenni: praticamente 1 italiano su 100 ieri è andato al cinema”. Con questa dichiarazione, rilasciata all’ANSA, il ministro Dario Franceschini sottolinea come, dai primi risultati, l’iniziativa Cinema2Day abbia dato ottimi riscontri. Un’idea lanciata dal Mibact: abbassare il prezzo del biglietto a 2 euro ogni secondo mercoledì del mese, e vedere come risponde la gente. Ieri, primo giorno dell’iniziativa, secondo dati Cinetel, sono stati staccati 598.460 biglietti. Si tratta di una cifra da capogiro, se si pensa che mercoledì scorso i biglietti venduti erano stati meno della metà: 230 mila. Questo dato diventa ancora più importante se comparato alle vendite di un anno fa: il secondo mercoledì di settembre 2015 l’affluenza ai cinema fu di appena 221 mila persone.

L’iniziativa, in collaborazione con Anem – Associazione Nazionale Esercenti Multiplex, Anica – Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali – e ANEC – Associazione Nazionale Esercenti Cinema,  sarà valida  fino al 8 febbraio; delle oltre 3mila sale in tutta Italia che aderiscono all’iniziativa, quelle che hanno fatto registrare risultati migliori sono state l’Uci Cinema Bicocca di Milano, con 7.860 biglietti venduti, la Città del Cinema a Foggia, con 7.492 e il The Space di Napoli con 7.180. Anche la capitale ha notevolmente incrementato gli spettatori, facendo registrare 7.144 biglietti venduti al The Space di Roma Magliana e 7070 all’Uci Cinemas di Porta di Roma. Ma in generale l’esperimento del cinema a 2 euro ha mobilitato un po’ tutta la penisola, rivelando che la passione del nostro paese per la settima arte aveva solo bisogno di uno sconto sul biglietto per ricominciare a macinare grandi numeri.

Vedi anche

Altri articoli