G20, Renzi: “Riforme finanziarie si calino nella realtà delle persone”

Mondo
G20_Afp

Riforme strutturali, commercio, investimenti e Pil sono tra i temi caldi del G20

Stimolare l’occupazione e “una crescita inclusiva, robusta e sostenibile”. Lo dicono i leader del G20 nella bozza delle comunicazioni finali del vertice. Nelle conclusioni, si invita tra l’altro ad approfondire il collegamento tra “riforme strutturali, commercio, investimenti e Pil” e a contribuire ad “aumentare la percezione delle persone sui benefici del commercio e degli investimenti”.

I leader del G20 chiedono, poi, alle grandi organizzazioni internazionali di “identificare modi e mezzi per promuovere una crescita di commercio e investimenti inclusiva, robusta, sostenibile”

 

“A fronte dell’apprezzamento da parte dell’Italia per le misure sulla finanza internazionale contenute nel comunicato finale del G20, sottolineo la crescente sensazione di sfiducia da parte dei cittadini, in particolare delle classi medie, nei confronti della finanza. E’ importante che le riforme, anche in questo settore, calino nella realtà quotidiana delle persone”, ha detto il premier Matteo Renzi nella seconda sessione dei lavori del G20, che ha aggiunto la necessità di poche regole e chiare sulla tassazione internazionale.

In programma, per il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ci sono quattro incontri bilaterali. Renzi ha già incontrato la presidente sud-coreana, Park Geun-hye, e il presidente indonesiano, Joko Widodo.

In programma anche altri due incontri. Nel corso della giornata, Renzi dovrebbe incontrare il neo-presidente brasiliano, Michel Temer, che ha sostituito la settimana scorsa la destituita Dilma Rousseff, e il principe saudita Mohammed bin Salman, che sta cercando di diversificare l’economia del proprio Paese, troppo dipendente dal petrolio.

Vedi anche

Altri articoli