G20, colloquio Obama-Putin: imperativo risolvere situazione Siria

Terrorismo
svetlana

Colloquio di 35 minuti tra il presidente americano e quello russo a margine del G20 in corso ad Antalya

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ed il presidente russo Vladimir Putin hanno avuto “una discussione costruttiva” a margine del G20 di Antalya, durata circa 35 minuti e concentrata sugli “sforzi in corso per risolvere il conflitto in Siria, un imperativo reso ancora più urgente dagli orribili attacchi terroristici di Parigi“. Lo hanno riferito fonti della Casa Bianca.

I due leader, riferiscono le fonti, hanno preso atto dei progressi diplomatici fatti a Vienna nelle ultime settimane e ancora ieri. Nello specifico, Obama e Putin hanno concordato sulla necessità di una transizione politica guidata dai siriani, con negoziati mediati dalle Nazioni Unite tra l’opposizione siriane ed il regime, e di un cessate il fuoco.

E, mentre prosegue il percorso diplomatico, il presidente americano ha salutato con favore gli sforzi di tutte le nazioni per contrastare lo Stato islamico e ha sottolineato l’importanza degli sforzi militari della Russia concentrati contro questo gruppo. Infine, sull’Ucraina, Obama ha ribadito il suo sostegno per una piena attuazione degli accordi di Minsk, e a Putin ha fatto le sue condoglianze per le vittime russe dell’aereo precipitato sul Sinai il 31 ottobre scorso e che sarebbe precipitato a causa di una bomba.

Vedi anche

Altri articoli