Fuori i mercanti dal tempio. Da leggere oggi su l’Unità in edicola

Dal giornale
prima_7 novembre

L’accusa del Papa ai preti “attaccati ai soldi”, con la similitudine con Gesù che caccia i mercanti dal tempio, è l’apertura dell’edizione odierna

L’accusa del Papa ai preti “attaccati ai soldi”, con la similitudine con Gesù che caccia i mercanti dal tempio, è l’apertura dell’edizione di oggi in edicola. Durante l’omelia, Bergoglio, dopo i giorni di Vatileaks, ha puntato il dito contro quella “Chiesa affarista”, ricordando, in un’intervista al giornale olandese “Straatnieuw” che “il credente non può vivere da faraone”. Dedicato a Bergoglio anche il commento della senatrice Emma Fattorini secondo la quale “l’esasperazione mediatica di casi plateali è volta a screditare il papa, come fosse inaffidabile”. E ancora, un estratto di “Via Crucis”, il libro di Gianluigi Nuzzi che racconta le spese folli in Vaticano, anticipato di qualche giorno dallo scandalo della fuga di notizie dalla Santa Sede. Sempre la povertà della Chiesa è al centro del messaggio di don Nicolini, parroco di Bologna ed ex direttore della Caritas intervistato da Adriana Comaschi. “Se vuoi buttare giù il male – spiega il prete – devi però salvare chi lo fa”.

La sfida del Pd e i fuoriusciti dal partito: di questo parla il vicesegretario Lorenzo Guerini nel suo commento in prima pagina “La sinistra che accetta le sfide”. “Chi ha scelto di uscire dal partito – afferma Guerini – rischia di svolgere un ruolo di retroguardia, di testimonianza ma che non cambia le cose”.

Roma e la questione Mafia Capitale ancora al centro con i contenuti della relazione di 834 pagine depositata al processo dal prefetto Magno dopo sei mesi di ispezione in Campidoglio: “La Capitale – scrive il prefetto – andava sciolta per mafia”. E secondo la Commissione prefettizia il sindaco Ignazio Marino “sottovalutò la corruzione come contagio criminale”.

Si passa alla cronaca, con il caso di Messina senza acqua, prima della riparazione del bypass rotto: il Consiglio dei ministri ha chiesto per la città lo stato d’emergenza. “Troppa arretratezza – ha commentato il sottosegretario De Vincenti – si deve cambiare musica”.

Da Messina al Ponte sullo Stretto: il premier ha assicurato che si farà, ma prima vanno fatte altre opere indispensabili per il comune siciliano, dai depuratori alle ferrovie. Convergenza di vedute con il ministro delle Infrastrutture Delrio: “Le priorità e le sfide per il Sud sono altre”.

Arriva il decreto salva-Regioni. Il consiglio dei ministri ha varato, infatti, le nuove norme contabili, che consentono di evitare un possibile “buco” da 20 miliardi nei bilanci delle amministrazioni. Il testo servirà a “chiarire la contabilità delle Regioni, un tema sollevato dalla Corte dei Conti, in particolare per la contabilizzazione dei debiti passati”, ha spiegato De Vincenti.

Ancora politica, con la nascita di “Sinistra italiana”, che verrà presentata oggi al Teatro Quirino con Sel e i fuoriusciti dal Pd. Ma Pier Luigi Bersani commenta: “Un errore”.

L’aereo distrutto nel Sinai, i timori di un possibile attacco terroristico ma anche la lotta all’Isis, nelle pagine 8 e 9. Il rafforzamento dell’azione politico-militare contro lo Stato islamico che sta destabilizzando il Medio Oriente: questi i temi al centro della due giorni di Matteo Renzi in Arabia Saudita, che inizierà domani sera.

Si parla anche di economia e lavoro: Ast e di ThyssenKrupp, infatti, hanno deciso di costruire a Terni, che si conferma così una “città d’acciaio”, un polo d’eccellenza per il recupero delle scorie di produzione dell’Inox rispettando l’ambiente; previste decine di nuovi posti di lavoro.

Prosegue lo Speciale Berlinguer che oggi ospita il commento di Claudio Velardi “Berlinguer e la memoria”: “Il segretario del Pci – si legge – rappresentava un partito in declino dopo i fasti del ‘75-’76, privo di una qualsivoglia, realistica prospettiva politica, legato a un mondo che andava morendo e si sarebbe letteralmente dissolto nel giro di qualche anno”.

E’ dedicata alla nudità la Rubrica Radar di oggi con l’articolo di Francesco Cundari sul libro di Anna Meldolesi dal titolo “Elogio della nudità” edito da Bompiani che affronta e confronta il tema dell’evoluzione della specie e quella dei costumi, dalla perdita della pelliccia alla scoperta del pudore.

Vedi anche

Altri articoli