Firmato il patto per il Lazio, Renzi: “Senza la concretezza non c’è politica” – VIDEO

Governo

In arrivo per il Lazio 1,4 miliardi di euro per infrastrutture, strade, ospedali, ambiente, sviluppo e lavoro

Firmata alla Terme di Diocleziano l’intesa fra Governo e Regione Lazio che sblocca un miliardo e 407 milioni di euro da utilizzare per opere strategiche, infrastrutture viarie e ferroviarie, risanamento idrico-ambientale e difesa del suolo, edilizia sanitaria e altri interventi nevralgici per migliorare la competitività e la sostenibilità della regione.

Nicola Zingaretti ha definito l’accordo come un “importante lavoro di squadra”. “Lo sforzo che sta facendo il Governo e che stiamo facendo noi – ha aggiunto il governatore – è quello di provare a costruire una speranza per il futuro. L’intesa che oggi presentiamo, è un’importante insieme di opere pubbliche, ma ha anche un’anima, una visione di futuro”.

“Quelli che promettono grandi rivoluzioni ma poi non sono credibili sulla concretezza del giorno dopo giorno ci stanno rubando il futuro”, ha detto Matteo Renzi intervenendo alla firma del patto, aggiungendo che “per troppo tempo l’Italia non ha avuto una classe dirigente che avesse in mente l’interesse nazionale che viene prima delle singole carriere personali e delle convenienze di parte”. Renzi ha quindi lodato l’operato del governatore Zingaretti nella regione che amministra: “Serve una straordinaria concretezza. Non c’è politica senza amministrazione ma senza concretezza non c’è politica”.

L’obiettivo che il premier ha poi individuato per il nostro Paese è quello di “restituire un ruolo in Europa e nel mondo per incidere nelle sfide culturali, politiche ed economiche del nostro tempo”. “Il mondo – ha osservato Renzi – vive una fase intrigante e difficile, la paura fa capolino nelle elezioni, mentre le informazioni, i big data e gli investimenti nell’innovazione consentono opportunità nuove. Crescono le minacce, lo sappiamo, provvediamo, ma crescono anche le opportunità, è una fase interessante e l’Italia ha un ruolo”.

Proprio in questa ottica, Renzi chiarisce: “Se stiamo dando stabilità a questo Paese, è per farlo correre non per farlo stare fermo. È giusto tornare a sognare perché un Paese che non sogna è un Paese che vive un incubo“.

Oltre ai fondi stanziati dal governo, per la regione Lazio sono in arrivo anche 823 milioni tra fondi europei e regionali per un totale di 2,230 miliardi di euro di finanziamento.

Vedi anche

Altri articoli