Famiglie più ricche dell’1,1% rispetto all’anno scorso

Economia
consumi

Sale il potere d’acquisto delle famiglie consumatrici, aumenta anche la propensione al risparmio

Sale il reddito delle famiglie italiane nel secondo trimestre del 2015: l’aumento, rilevato dall’Istat, è dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e dell’1,3% se confrontato con lo stesso periodo del 2014. Secondo l’Istituto statistico, nei primi sei mesi del 2015, nei confronti dello stesso periodo del 2014, il potere d’acquisto ha registrato una crescita dello 0,8%.

L’aumento è minore se rapportato all’inflazione: tenendo conto dell’aumento dei prezzi, infatti, il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in termini reali è cresciuto dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell’1,1% rispetto al secondo trimestre del 2014.

Migliora, però, anche la propensione al risparmio, che nel secondo trimestre è stata pari all’8,7%. Secondo quanto spiega l’Istat, ne deriva una diminuzione di 0,2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente, ma un aumento di 0,5 punti percentuali rispetto al corrispondente trimestre del 2014. Il tasso di investimento delle famiglie è stato pari al 6%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,2 punti percentuali nei confronti del secondo trimestre del 2014.

Vedi anche

Altri articoli