Facebook apre le dirette streaming a tutti. E Periscope trema

Social network
mentions

La mossa del social network di aprire a tutti le dirette streaming avrà delle conseguenze sulle concorrenti

E’ arrivato il giorno in cui Facebook ha deciso di fare sul serio con le dirette streaming. Dopo aver cominciato a testare la funzione per alcune cerchie di utenti (dai vip alle pagine verificate di gruppi musicali e aziende), il social network in blu ha annunciato che i video Live saranno disponibili a tutti gli utenti. La novità riguarda per ora solo gli utenti Apple negli Stati Uniti com’è stato per Periscope all’inizio, ma presto, sarà disponibile a tutti.

E’ proprio Periscope, la piattaforma degli streaming video di Twitter, potrebbe essere la più penalizzata da questa mossa. Il social network di San Francisco da un po’ di tempo è in difficoltà e fatica a attrarre nuovi account, e questa mossa potrebbe ulteriormente penalizzarlo. Non è un mistero che la dirigenza di Twitter aveva puntato molto su Periscope, anche se il media non è decollato. Le dirette streaming su Facebook che con circa 1 miliardo e 600 milioni di utenti è un vero colosso del web, cambierà ulteriormente il modo di fare comunicazione.

Ma come funzionerà?  Per condividere i video live sarà sufficiente aggiornare il proprio status e selezionare l’icona Live Video e si potrà aggiungere una descrizione e selezionare i gruppi di amici con cui si vuole condividere il video prima di andare in diretta. Durante il live si potranno conoscere il numero degli spettatori, il nome degli amici che si sono connessi e visualizzare i commenti. Al termine della trasmissione, questa verrà salvata sul proprio diario. Il video potrà essere eliminato o conservato per permettere agli amici di vederlo in un secondo momento. I video in diretta dei propri amici appariranno direttamente nel proprio News Feed e, durante la visualizzazione, si potrà cliccare il pulsante “Iscriviti” per ricevere notifiche ogni volta che uno specifico profilo o una pagina sarà in diretta.

 

Vedi anche

Altri articoli