Eurovolley, Russia incenerita e ora la Slovenia di Giani

#EuroVolleyM
Players of Italy celebrate after winning the Men's 2015 CEV Volleyball European Championship quater final match between Russia and Italy in Busto Arsizio, Northen Italy, 14  October 2015. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

L’Italia grazie ad una fantastica prestazione batte la Russia 3 a 0 e vola in semifinale. Ora la Slovenia

Che la nazionale italiana di volley fosse tornata grande l’aveva dimostrato in Giappone alla World Cup, ma la conferma definitiva la si è avuta ieri nei quarti di finale dell’europeo di volley contro la Russia. Sì stiamo parlando della nazionale campione europea e olimpica in carica.

Al PalaYamamay di Busto Arsizio nei quarti di finale della manifestazione continentale gli azzurri hanno asfaltato i campioni russi con una prestazione fantastica. Ma la vittoria azzurra va al di la del risultato, il 3 a 0 è frutto di una partita dominata dal primo punto. Zaytsev, Lanza e Juantorena sono stati eccezionali in attacco con percentuali superiori al 50%, i centrali Buti e Piano hanno fatto un gran lavoro a muro contenendo alla grande gli attacchi degli avversari, mentre il libero Colaci ormai è una garanzia sia in ricezione che in difesa. Ma l’uomo copertina è un altro, è il palleggiatore di Trento Simone Giannelli, un talento di 19 anni che gioca come un veterano. E’ impressionante la precisione e la velocità con cui la palla esce dalle sue mani favorendo e non poco gli attaccanti. Comunque è una vittoria di squadra, gruppo ricostruito alla perfezione da Gianlorenzo Blengini, che in poco tempo ha ricostruito un gruppo vincente dopo qualche anno non a grandissimi livelli. Tutto bene quindi? No, ci sono cose da registrare. L’Italia in queste cinque partite ha dimostrato una fragilità preoccupante in ricezione, specie sulle battute flottanti, con Lanza che spesso ha completamente toppato il tempo d’intervento. Comunque questa nazionale ci fa sperare per il proseguo della competizione.

Con i quarti di finale la parte italiana dell’europeo si conclude, gli azzurri hanno salutato al meglio lo straordinario pubblico del PalaYamamay, che ha regalato un meraviglioso spettacolo dall’inizio alla fine dell’incontro e dopo l’ultimo punto ha intonato festante l’inno di Mameli. Le semifinali e le finali si giocheranno a Sofia.

Adesso la squadra di Blengini si dovrà concentrare sulla semifinale di sabato contro la Slovenia, allenata da un mito dell’ItalVolley Andrea Giani. Gli sloveni sono la vera sorpresa di questo europeo, nei quarti hanno eliminato i campioni del mondo della Polonia al tie-breack grazie ad una grandissima partita.

L’altra semifinale sarà tra la Francia, squadra che ha battuto gli azzurri nel girone, e i padroni di casa della Bulgaria. Quest’Italia fa ben sperare, ma le difficoltà ancora non sono finite.

Vedi anche

Altri articoli