Effetto Front, la Corsica scopre il razzismo anti-Islam

Francia
france-corsica-violence_ecefda16-ac03-11e5-bc4d-302034fae57a

Il prefetto ha vietato altre manifestazioni dopo le dimostrazioni dei giorni scorsi ad Ajaccio dove è stato aggredito e profanato un luogo di culto musulmano

Il prefetto della Corsica, Christophe Mirmand, ha emesso un’ordinanza per vietare le manifestazioni nel quartiere di Ajaccio, preso di mira venerdì e ieri da violente dimostrazioni durante le quali è stata profanata e vandalizzata una moschea. La decisione è stata presa nell’ambito dello stato d’emergenza in vigore in Francia dagli attentati di Parigi del 13 novembre.

Le violenze sono cominciate dopo l’aggressione, avvenuta la notte di Natale, contro due pompieri, rimasti feriti, e un poliziotto nel quartiere popolare dei Jardins de l’Empereur. I dimostranti hanno urlato slogan xenofobi come “Fuori gli arabi”, “Siamo a casa nostra”, riporta il sito della radio francese. Il premier Manuel Valls ha condannato “l’aggressione intollerabile contro i pompieri” e “la profanazione inaccettabile di un luogo di preghiera musulmano”.

La tensione comunque resta alta in tutta l’isola. E’ la prima volta che il popolo corso si scaglia in maniera così violenta contro istituzioni religiose musulmane. Venerdì circa 600 persone si erano raccolte davanti alla prefettura per manifestare solidarietà alla polizia e ai pompieri, quando un piccolo gruppo si è staccato e si è diretto verso il luogo dell’aggressione inneggiando a slogan contro i musulmani come “Arabi andate via” o “Questa è la nostra terra”.

A quel punto una parte dei dimostranti ha fatto irruzione nella sala di preghiera rompendo e lasciandosi andare ad atti vandalici. Diverse copie del corano sono state bruciate e gettate per strada. Il ministro dell’Interno Bernard Cazeneuve ha parlato di dimostrazione di “razzismo e xenofobia”. Al primo turno delle elezioni regionali, il 7 dicembre l’estrema destra del il Front National di Marin Le Pen è risultato primo partito anche se al ballottaggio hanno vinto i nazionalisti corsi

Vedi anche

Altri articoli