Ebola, aviaria, mers, polio. Ecco i virus seguiti dall’Oms

Sanità
laboratorio-provette-analisi

Il virus Zika è un’emergenza internazionale, ma in passato ci sono stati allarmismi inutili

Il virus Zika è un’emergenza internazionale di salute pubblica. Lo ha deciso il comitato di esperti convocato dall’Oms, che ha dato l’annuncio durante una conferenza stampa a Ginevra. “Serve uno sforzo internazionale contro il virus”, ha affermato il direttore generale Margaret Chan.

“Lo Zika virus da solo non sarebbe stato definito un’emergenza – ha sottolineato – perché per quanto ne sappiamo non causa condizioni cliniche gravi. E’ solo per questo possibile legame con la microcefalia che abbiamo deciso di dichiararla emergenza internazionale, ma non sappiamo quanto ci vorrà per trovare tale collegamento”.

Ma qual’è il rischio (o il vantaggio)  quando si dichiara un’emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale? Intanto, da quando è entrato in vigore nel 2007 il Regolamento Sanitario Internazionale, è la quarta volta che succede. Ricordiamo nel 2009 l’influenza suina (detta anche influenza H1N1), poi fui la volta nel 2014 dell’emergenza polio, seguita nell’agosto del 2014 dall’epidemia di Ebola.

Virus, epidemie e pandemie di cui si è parlato di volta in volta abbondantemente e che spesso hanno scatenato paure irrazionali, per poi essere dimenticate con la stessa velocità con cui hanno diffuso il panico. Questa volta l’Oms ha un approccio molto cauto. Per esempio il comitato  non ritiene al momento che ci siano le condizioni per chiedere restrizioni nei viaggi o nei commerci per prevenire la diffusione del virus.  Un insegnamento che probabilmente arriva dal passato da tutti quei casi analoghi, dall’influenza suina all’aviaria, in cui la pandemia si è rivelata una bolla di sapone mediatica.

Intanto rimangono sotto osservazione virus come ebola che può rimanere “nascosto” nel sangue dei sopravvissuti, il virus mers che ha mietuto 586 morti finora e 1626 casi in 26 paesi con almeno, l’aviaria che conta ancora diversi focolai di infezione in tutto il mondo e la polio ormai quasi debellata in quasi tutto il mondo, ma che resiste in alcune “sacche” da cui potrebbe ritornare se si abbassasse la guardia.

 

Vedi anche

Altri articoli