E se vincesse il No? Per la Grecia ormai si guarda al dopo-referendum

Grexit
epa04826210 European Commission President Jean-Claude Juncker during a news conference at the EU Commission headquarters in Brussels, Belgium, 01 July 2015. Officials from Greece and the European Union confirm that the Greek government sent a new proposal on its bailout accompanied by a letter from Prime Minister Alexis Tsipras to the country's creditors.  EPA/OLIVIER HOSLET

Dopo la giornata calda di ieri, oggi si attende una pausa di riflessione sull’asse Atene-Bruxelles. Ma si studiano già le possibili soluzioni politiche e finanziarie da mettere sul tavolo da lunedì

Dopo lo stop imposto ieri da Angela Merkel, un nuovo colpo di scena che riapra le trattative è ritenuto altamente improbabile. I cittadini greci andranno al voto domenica prossima per scegliere se dire Sì al piano di salvataggio proposto dall’Eurogruppo, oppure seguire Alexis Tsipras nell’indicazione per il No.

La giornata di oggi probabilmente servirà a raffreddare un po’ gli animi. Lo showdown referendario ormai è inevitabile e le trattative si concentrano soprattutto su quello che potrà accadere da lunedì. Se vincesse il Sì, il premier ellenico spera di poter tornare a sedersi al tavolo delle trattative a Bruxelles più forte di prima, anche se non è escluso che le pressioni esterne e interne possano costringerlo invece a lasciare la propria poltrona. E già ad Atene si discute dei nomi che potrebbero sostituirlo.

E se vincesse il No? Tsipras ha promesso ai suoi concittadini che questo non si tradurrebbe in un’uscita automatica dall’euro. Ma retroscena giornalistici raccontano invece di un piano già elaborato dal ministro delle finanze Varoufakis per la nascita di una moneta parallela che dovrebbe accompagnare la Grecia fuori dal tunnel del default.

Da oggi, sono questi gli interrogativi che accompagneranno i cittadini greci verso il voto di domenica e, soprattutto, i politici di Bruxelles e di tutti i paesi europei verso la ricerca di una soluzione.

(foto Ansa)

Vedi anche

Altri articoli