E’ nata Speranza. Un piccolo miracolo, un grande messaggio per l’Europa

Immigrazione
speranza

Nel sottopasso della stazione di Budapest è nata la piccola Shems, figlia di una vedova siriana in fuga dalla guerra

speranza-tot

E’ nata nella sporcizia, nella precarietà di un sottopasso della stazione di Budapest. La madre è una donna, una vedova che, come tanti altri suoi connazionali, è partita dalla Siria, dalla guerra, per trovare rifugio in Europa. E’ rimasta bloccata in Ungheria, alla stazione di Budapest, ancora lontana dall’agognata Germania. E qui ha dato alla luce, proprio mentre la foto del piccolo Aylan, morto di fronte alla costa turca, faceva il giro del mondo, Shems. Tradotto: Speranza.

Poco prima di partorire, ha riferito al Sun il volontario che l’ha aiutata a dare alla luce la piccola, “un’ambulanza si è rifiutata di portarla in ospedale”.

Vedi anche

Altri articoli