Albertazzi: da Mattarella a Renzi: “Grazie maestro”

Teatro
Albertazzi

Da Sergio Mattarella a Fiorello, il mondo della politica e della cultura piange il maestro Giorgio Albertazzi, spentosi a 92 anni

Lutto nel mondo dello spettacolo. E’ morto questa notte all’età di 92 anni Giorgio Albertazzi, attore e regista. Grande protagonista a teatro, è stato anche uno dei primi divi televisivi, protagonista di letture poetiche e di sceneggiati di grande successo.

“Sul mio passaporto c’è scritto: attore. In realtà faccio anche il regista, lo sceneggiatore, il riduttore di romanzi per la televisione e ora l’autore teatrale”, così si presentava sul suo sito ufficiale.

Era nato a Fiesole il 20 agosto 1923. Dopo aver debuttato sul palcoscenico nel 1949 in Troilo e Cressida di Shakespeare, con la regia di Luchino Visconti, al Maggio Musicale Fiorentino, Albertazzi ha recitato per quasi 70 anni. La sua ultima apparizioni in teatro era stata ne Il mercante di Venezia.

“Con Giorgio Albertazzi scompare uno dei massimi interpreti del teatro e del cinema italiano contemporaneo”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “Attore versatile e innovativo- aggiunge il capo dello stato-, ha saputo unire nella sua lunga carriera tradizione e modernita’. Le sue interpretazioni dei grandi classici restano una pietra miliare nella storia dello spettacolo. Albertazzi, che ha dedicato al teatro l’intera esistenza, e’ stato punto di riferimento e maestro per generazioni di attori e registi”.

“E’ mancato un grande italiano, che ha fatto la storia del teatro e parzialmente del cinema, Giorgio Albertazzi. Vorrei che arrivasse un messaggio di affetto a questo artista che e’ stato contemporaneamente classico e controcorrente”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi, ricordando la figura di Giorgio Albertazzi, durante la cerimonia di inaugurazione della 15/ma Biennale Architettura.

Da Sergio Mattarella a Fiorello, il mondo della politica e della cultura piange il maestro Giorgio Albertazzi, spentosi a 92 anni.

“Con Giorgio Albertazzi scompare uno dei massimi interpreti del teatro e del cinema italiano contemporaneo. Attore versatile e innovativo, ha saputo unire nella sua lunga carriera tradizione e modernita’. Le sue interpretazioni dei grandi classici restano una pietra miliare nella storia dello spettacolo. Albertazzi, che ha dedicato al teatro l’intera esistenza, e’ stato punto di riferimento e maestro per generazioni di attori e registi”, ha dichiarato il presidente della Repubblica, Mattarella.

 

“Non si puo’ non dire…Grazie maestro!”, è il messaggio su twitter di Rosario Fiorello.

Vedi anche

Altri articoli