E’ italiana la prima stampante 3d per Smartphone

#EreticoFuturo
olo

Olo la stampante 3d ha conquistato il Maker Faire di New York

Novantanove dollari per la prima stampante 3D per Smartphone: dall’Italia arriva un’altra “invenzione” che ha fatto breccia poche settimane fa alla Maker Faire di New York. Attorno alla New York Hall of Scienze di sono affollati più di 100.000 visitatori che hanno trovato un “padiglione italiano” che ospitava 5 esperienze di successo della Galassia Makers.

Tra queste anche due aziende della Rete Fonderie Digitali: Wasp e Solido 3D. Questi artigiani Digitali vengono dal Mandrione una delle poche isole artigiane sopravvissute alla voracità dell’espansione edilizia di Roma tra la Tuscolana e la Casilina. Tra botteghe artigiane di vario tipo è nata un’esperienza completamente nuova , un’azienda che da oltre 15 anni ha iniziato a fare prototipazione rapida e altre attività legate alla manifattura digitale. Ma soprattutto si è sempre progettato e ricercato nuove soluzioni.

Filippo Moroni e Pietro Gabriele hanno così creato un’azienda solida, protagonista e avanguardia di quel vasto mondo degli artigiani/makers che stava crescendo nel silenzio e nel disinteresse delle agenzie che si dovevano occupare di promuovere lo sviluppo. La loro forza è stata la condivisione, una visione etica dell’impresa, la voglia e la capacità di confrontarsi con gli altri e la disponibilità a contaminarsi con mondi che apparivano lontani, l’Università , la CNA. Il risultato una crescita significativa delle attività e nuovi prodotti per nuovi mercati.

Quello presentato al Maker Faire di New York è OLO una mini stampante che può produrre piccoli oggetti (7,6 x 12,7x 5 cm) utilizzando uno smartphone, un iPhone, Android o Windows Phone. Con un’App si possono creare disegni tridimensionali che inviati alla stampante possono essere realizzati immediatamente. E’ la via maestra per allargare la platea dei protagonisti di questo nuovo mondo che si sta affermando con la manifattura digitale. I nostri ragazzi avranno un meccano, un gioco di costruzione che non li confineràsolo nell’ozio del divertimento ma li introdurrà nel magico mondo dell’artigianato creativo. L’idea ha avuto un grande successo.

Alla European Maker Faire di Roma il “ testimone” è stato consegnato nelle mani del governatore del Lazio Zingaretti. Come per dire ora tocca al territorio. Per passare alla commercializzazione su larga scala ci sono affidati alla raccolta in crowdfunding. Anche qui si battono nuove strade.

Vedi anche

Altri articoli