Dopo Farage, Orbán. La passione di Grillo per gli impresentabili

Immigrazione
epa04908767 Migrants protest against the closure of Keleti Railway Station in Budapest, Hungary, 02 September 2015. The station continues to be closed to migrants, other passengers are allowed to enter and trains operate according to schedule. Hungarian police on 01 September closed the main train station in Budapest from where scores of migrants were hoping to travel to Western Europe. The refugees arrived in Budapest via the so-called Balkan route, across Turkey, the Aegean Sea and Greece, Macedonia and Serbia.  EPA/ZOLTAN BALOGH HUNGARY OUT

Non una parola contro il Muro ungherese, la disumanità della polizia magiara, la marchiatura dei profughi: in questo delirio Grillo chi attacca? Angela Merkel…

Non sono bastate le immagini che hanno fatto il giro del mondo, il triste spettacolo dei migranti bloccati e repressi dalla polizia di Budapest, abbandonati a loro stessi senza l’ombra di un minimo di assistenza. Non è bastato neppure vedere le foto degli addetti alla sicurezza di Praga che con un pennarello marchiano la pelle di donne e bambini, scrivendogli addosso il loro numero identificativo e risvegliando spettri di disumanità che sembravano dimenticati.

In questo delirante scenario, Beppe Grillo non ha perso occasione per scegliere, ancora una volta, di stare dalla parte degli impresentabili. Il suo bersaglio è, come spesso è già successo in passato, la Cancelliera tedesca Angela Merkel, rea di aver messo il suo Paese a disposizione dell’emergenza, assicurando che la Germania si occuperà ad accogliere tutti i profughi siriani in fuga dalla guerra. Certo, il superamento del Trattato di Dublino non sarà semplice e certo non si può fare in 24 ore.

Ma Grillo non ce la fa, deve attaccare. Guarda i sondaggi, sa che la Merkel non gode di grande simpatia in Italia, non ha dubbi, sceglie di sparare a zero contro la Germania. “La Merkel ha mentito e illuso migliaia di profughi e gettato l’Ungheria nel caos. La scorsa settimana ha annunciato che la Germania avrebbe sospeso il trattato di Dublino per accogliere i profughi siriani provenienti da tutta Europa”, mentre poi “la Germania non ha sospeso Dublino”.

Non una parola contro il Muro di Orbán, contro le marchiature della polizia ceca o contro l’identikit del profugo prospettato dalla Slovacchia. Grillo con gli impresentabili (di nome e di fatto) ci sta benissimo.

Vedi anche

Altri articoli