Don Bosco, Roma si riprende la piazza del funerale-show

#AntimafiaCapitale
orfini_roma

Una manifestazione senza simboli di partito né comizi politici

Piazza Don Bosco si va riempiendo di gente. Sta in iniziando  la manifestazione senza simboli di partito e senza comizi politici per dire che Roma non è la città dei Casamonica, delle mafie, degli affari sporchi.

Nel giorno dell’anniversario dell’omicidio di un uomo-simbolo della lotta alla mafia, Carlo Alberto Dalla Chiesa, la Roma pulita vuole prendersi la piazza dell’odioso funeral-show di Vittorio Casamonica, le cui immagini che hanno fatto il giro del mondo e hanno gettato nel discredito la Capitale.

“Dopo le prime importanti adesioni abbiamo deciso di farne non una manifestazione di partito, ma una piazza civica, senza simboli con una sola parola d’ordine che dovrebbe unirci tutti: antimafia capitale. Una manifestazione non basta, certo. Ma serve a svegliare le coscienze, a costruire consapevolezza e a rafforzare anticorpi ancora così fragili – ha spiegato il commissario romano del Pd Matteo Orfini -, per un giorno interrompiamo le polemiche, lasciamo da parte le divisioni e le legittime divergenze di vedute che hanno segnato il dibattito pubblico in questi mesi. Dimostriamo che le istituzioni e la città di fronte all’affronto mafioso sono unite”.

In piazza ci saranno anche il sindaco Marino e il vicesindaco Causi. Un centinaio le associazioni che hanno aderito. Hanno risposto all’appello anche le Acli, la Cgil, la Cisl, la Uil, ci sarà l’Arci, hanno aderito il gruppo di Alfio Marchini e Sel. Parleranno esponenti delle associazioni e la giornalista di Repubblica minacciata dalla mafia di Ostia Federica Angeli.

Vedi anche

Altri articoli