Dioniso e tre “bastardi” sulla cresta dell’ombra

Musica
bastard

Resi visibili nel 2009 da X-Factor, The Bastard sons of Dioniso presentano il settimo album acustico

“Sulla cresta dell’ombra” è il nuovo disco dei The Bastard Sons Of Dioniso, uscito lo scorso 15 gennaio (Fiabamusic/Believe). Registrato a Vigolo Vattaro e masterizzato a Roma da Gianluca Vaccaro, l’album si compone di dodici tracce, scritte e arrangiate dai ragazzi con la collaborazione di Piero Fiabane, di cui una cover, Suite: Judy blue eyes di Stephen Stills e un brano, Ti sei fatto un’idea di me, scritto insieme al cantautore Bugo. Dopo già sei album all’attivo, con questo settimo lavoro il trio trentino formato da Michele Vicentini (voce, chitarra), Jacopo Broseghini (voce, basso) e Federico Sassudelli (voce, batteria) torna sulla scena musicale cantautorale italiana con un disco fortemente impattante pur nella sua dichiarata essenzialità compositiva: sia i due inediti e sia le altre nove tracce attinte da dischi precedenti vengono qui riarrangiate in chiave piacevolmente acustica, spogliate dal sound più elettrico che ha caratterizzato la precedente produzione dei The Bastard Sons Of Dioniso a favore di una nudità che ha avuto come intento quello di voler regalare ai fan i pezzi suonati quasi così come uscirono nella prima versione in assoluto suonata dalla band.

Conosciuti dal grande pubblico nel 2009, anno in cui conquistarono la seconda posizione sul podio di X – Factor, chi li segue già da allora ricorderà pertanto come da subito fossero emersi dal piattume creativo e musicale che spesso caratterizza i talent show, sfoggiando una naturale grazia e un notevole talento attraverso la realizzazione di un rock pacato e quasi fiabesco, cifra stilistica, questa, anche dell’album in questione. I The Bastard Sons Of Dioniso infatti hanno da sempre avuto il merito di catturare l’ascoltatore e di lasciargli vivere un viaggio sensoriale attraverso i sentieri del loro immaginario sonoro, fatto delle più molteplici influenze musicali sapientemente focalizzate su quello che è ormai il loro sound inconfondibile: testi in italiano sempre molto originali ben si sposano con sperimentazioni rock-pop molto ben cadenzate e misurate, giuste e godibili. Questo trio originario della Valsugana rifugge piacevolmente un tipo di accostamento musicale ben preciso, a favore di tratti distintivi caratterizzanti e chiari. Senza dubbio una gradevole scoperta all’interno dell’offerta musicale giovanile italiana di oggi.

Di “Sulla cresta dell’ombra” in particolare si segnalano i brani: Amor carnale, Samurai, Io non compro più speranza, Trincea, Ti sei fatto un’idea di me.

Queste le tappe del tour: 29/01 Padova, 05/02 Lunano, 20/02 Santi Angeli di Giavera del Mondello, 04/03 Vada, 11/03 Magenta, 12/03 Grezzana, 18/03 Grosseto, 25/03 Foligno, 26/03 Fermo, 27/03 Atella, 01/04 Roma, 08/04 Seregno, 22/04

Vedi anche

Altri articoli