Dieselgate, i rimborsi arriveranno tramite voucher

Volkswagen
volkswagen

La casa tedesca prova a rispondere ai consumatori sul piede di guerra offrendo voucher, buoni acquisti e assistenza stradale gratis.

A un mese dallo scandalo dei motori diesel truccati, Volkswagen stabilisce le modalità di rimborso dei proprietari danneggiati. Il gruppo tedesco offrirà voucher, buoni acquisti per 1000 dollari e assistenza stradale gratis a tutti i proprietari delle auto diesel coinvolte negli Usa. Inoltre, secondo indiscrezioni diffuse da un sito specializzato americano, una parte del risarcimento sarebbe utilizzabile unicamente presso i concessionari Volkswagen per l’acquisto di una nuova automobile o per accessori.

È in questo modo che la casa tedesca prova a rispondere ai consumatori ormai sul piede di guerra. È soltanto un primo passo, visto che si parla ancora di risarcimenti sul territorio a stelle e strisce; prima o poi, la casa automobilistica dovrà affrontare anche i reclami europei. A partire da casa propria, dove la Federazione tedesca delle associazioni dei consumatori ha chiesto al gruppo di “assumersi le sue responsabilità” e compensare i clienti vittime dello scandalo. Anche in questo caso si tratterebbe comunque di voucher: “I buoni acquisto in Germania sono il minimo per risarcire i clienti danneggiati”.

L’estendersi dei risarcimenti metterà tuttavia a rischio la capacità creditizia del gruppo.

Non a caso, un’altra agenzia di rating oggi decide di non fidarsi più di Volkswagen: Fitch declassa la casa di automobili tedesca, facendola uscire dalla categoria A sull’affidabilità creditizia, sottolineando proprio “il riflesso delle aspettative dei costi derivanti dalla vicenda”. L’agenzia mantiene inoltre un outlook negativo, preludio di possibili ulteriori peggioramenti in futuro.

Vedi anche

Altri articoli