De Luca, un altro avviso di garanzia per opere a Salerno

Campania
La conferenza stampa del sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, per la presentazione della sua candidatura alle primarie del PD per l'elezione a presidente della Ragione Campania, 24 novembre 2014. ANSA / CIRO FUSCO

L’ipotesi è di falso in atto pubblico

Nuovo avviso di garanzia per il governatore Vincenzo De Luca. La Procura di Salerno ha infatti chiuso l’inchiesta – che coinvolge 26 indagati – che riguarda alcune opere realizzate a Salerno nel periodo in cui l’attuale presidente della Regione era sindaco della città.

A De Luca è contestato il reato di falso in atto pubblico. Ora la difesa ha venti giorni di tempo per replicare depositando memorie, chiedendo interrogatori o proponendo supplementi di indagine.

Contemporaneamente va avanti il processo nel quale il governatore campano è stato già condannato in primo grado per abuso d’ufficio con il beneficio della sospensione della pena, sentenza che ha determinato nei suoi confronti l’applicazione della legge Severino, poi sospesa dal tribunale in attesa del giudizio della Corte Costituzionale. Oggi il suo avvocato ne ha chiesto l’assoluzione.

Per questa vicenda la sentenza della Corte d’appello di Salerno potrebbe arrivare entro la prima settimana del mese di febbraio.

Vedi anche

Altri articoli