Cyber attacco contro la Russia. Per la Nbc Obama ha dato l’ordine

Mondo
obama putin

Tensione Usa-Russia, indiscrezione dalla Cia: “Obama ha ordinato un attacco informatico”

L’amministrazione Obama sta prendendo in considerazione l’ipotesi di compiere un cyber-attacco sotto copertura senza precedenti contro la Russia a seguito della presunta interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti. Lo riferiscono a Nbc News fonti dell’intelligence Usa, secondo cui alla Cia è stato chiesto di consegnare alla Casa Bianca le opzioni per questo attacco informatico su larga scala, che dovrebbe mirare a “imbarazzare” la leadership del Cremlino.

Le fonti non hanno precisato le misure esatte che la Cia sta prendendo in considerazione, ma ha detto che l’agenzia ha già cominciato a selezionare obiettivi e compiere altri preparativi. Ex funzionari dell’intelligence spiegano a Nbc News che la Cia ha raccolto risme di documenti che potrebbero esporre sgradevoli tattiche del presidente russo Vladimir Putin. L’ultima parola sul se procedere autorizzando l’operazione della Cia, però, spetterà al presidente Usa Barack Obama e non c’è ancora stata.

Le fonti riferiscono all’emittente che al momento ai vertici dell’amministrazione ci sono ancora divisioni sul se procedere o meno. E due ex funzionari della Cia che hanno lavorato sulla Russia hanno spiegato a Nbc News che in passato è successo diverse volte che la Cia valutasse azioni sotto copertura contro la Russia, compresi attacchi hacker, ma alla fine l’idea è sempre stata abbandonata.

Una conferma indiretta alle rivelazioni di Nbc News è giunta venerdì dal vice presidente Usa Joe Biden che, intervistato nel programma ‘Meet the Press’, ha affermato che gli Stati Uniti “stanno per mandare un messaggio” a Putin e che “sceglieremo noi il momento e le circostanze che avranno l’impatto maggiore”.

Subito dopo, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha denunciato le osservazioni di Biden, affermando che Mosca avrebbe preso le precauzioni necessarie per salvaguardare i propri interessi a fronte della crescente “imprevedibilità e aggressività degli Stati Uniti”: “Le minacce dirette contro Mosca e la leadership del nostro Stato sono senza precedenti, perché sono espresse a livello del vice presidente degli Stati Uniti”, ha detto il portavoce del Cremlino citato dall’agenzia Ria Novosti.

Mosca risponderà ai piani della Cia, ha confermato il consigliere del Cremlino, Iuri Ushakov, citato dalla Tass. “Certamente, lo faremo. Questo è già al limite della villania”, ha dichiarato Ushakov.

Vedi anche

Altri articoli