Tsipras e il dramma dei migranti: ” Solidarietà o sarà fallimento dei principi dell’Ue”

Immigrazione
imagehandler_185

il primo ministro greco Alexis Tsipras in una intervista al Corriere della Sera parla della crisi dei migranti e del ruolo dell’Europa

La crisi dei migranti deciderà se “l’Europa confermerài suoi principi e valori fondanti, come l’umanesimo e la solidarietà, o li tradirà”. La pensa così il primo ministro greco Alexis Tsipras che in una intervista al Corriere della Sera, afferma: “Noi e l’Italia abbiamo una visione comune”.

“In una crisi di dimensioni umanitarie – spiega Tsipras – la Grecia e il popolo greco rivelano il volto umano dell’Europa. E lo fanno di fronte a un’Unione che chiude le frontiere, dove crescono la xenofobia e la retorica intollerante dell’estrema destra. La Grecia è il territorio nel quale l’Europa confermerà i suoi principi e valori fondanti, come l’umanesimo e la solidarietà, o li tradirà”.

“Sono convinto – aggiunge – che non possa esistere un’Europa unita senza il rispetto assoluto per le lotte e i valori comuni, ma anche per le responsabilita’ e gli impegni condivisi”. “Noi – chiarisce Tsipras – non pretendiamo nulla più della solidarietà, che è un principio fondamentale dell’Unione Europea. Esigiamo che sia condivisa dagli Statila gestione di una crisi che è superiore alle nostre forze. Dobbiamo passare a un impegno vincolante di tutti e per tutti, orientato alla ripartizione obbligatoria della responsabilita’ dei flussi, in proporzione, sottolineo, alle rispettive capacità”.

“Su Dublino – aggiunge – , penso che sia ormai chiaro e accettato da tutti gli Stati che la sua riforma e’ necessaria. Inoltre è stupefacente dover ricordare così di frequente l’obbligo di rispettare il diritto internazionale ed europeo. Quando ci sono persone che rischiano la vita in acque greche, vale a dire europee, la Guardia costiera è  obbligata al soccorso”. “Ora vedo la possibilità – spiega anche Tsipras – di una stretta vicinanza politica tra Grecia e Italia, perchè condividiamo rivendicazioni e inquietudini. Abbiamo una visione comune. Credo che sul tema dell’equa ripartizione dei migranti ci sarà una buona collaborazione”.

“A mio avviso – propone infine -, la Sinistra è in prima linea nella difesa dei valori europei di democrazia, giustizia e coesione sociale e costituisce l’unica valida alternativa alla destra estrema e populista. Ma è necessario che tutte le forze progressiste, indipendentemente dalla famiglia politica alla quale appartengono, comincino un vero dialogo per riportare l’Unione a questi principi”.

Vedi anche

Altri articoli