Costa d’Avorio, commando jihadista ai resort dei turisti: 16 morti

Terrorismo
epa05210154 Ivorian forensic experts investigate bodies of people killed on the beach near the 'Etoile du Sud' hotel in Grand Bassam, Ivory Coast, 13 March 2016.  According to reports fourteen civilians and six assailants were killed when gunmen opened fire on guests at the 'Etoile du Sud' hotel in the town of Grand Bassam which is popular with foreigners.  EPA/LEGNAN KOULA

L’attacco, secondo quanto riporta il gruppo Site è stato rivendicato dalla branca nordafricana di al-Qaeda

Facevano urlare alle vittime prima di sparargli Allah Akbar (Dio è grande), erano giovani, sui 30 anni e hanno ucciso 16 persone. E’ questo il racconto dei terroristi che ieri hanno dato l’assalto a tre hotel su una spiaggia di Grand Bassam, in Costa d’Avorio, fatto da un ufficiale militare,in forma anonima, citato da Le Monde.

Sono diversi i testimoni che riferiscono delle grida dei terroristi, e dalle loro parole si intende la grande paura che sono stati costretti a vivere. I terroristi “sono arrivati dalla spiaggia. Io ne ho visti due, giovani africani, in maglietta e jeans”, ha raccontato allo stesso giornale Lucina Outtara, una dipendente di uno degli hotel sulla spiaggia. “All’inizio hanno sparato su dei ragazzi che stavano sulla spiaggia, davanti all’hotel Etoile du Sud, poi sono andati a la Paillote. Sono passati davanti al nostro albergo ma non si sono fermati. Gli spari sono durati un paio d’ore, forse un’ora e mezza”.

Il bilancio dell’attacco del commando armato di fucili d’assalto e granate è di 16 morti, di cui 14 civili e due soldati, e sei assalitori uccisi. Secondo fonti di polizia, tra i morti ci sono quattro europei, e l’Eliseo ha già confermato che almeno una vittima è francese. La Farnesina sta verificando l’eventuale coinvolgimento di italiani.

L’attacco, secondo quanto riporta il gruppo Site che monitora le attività online dei terroristi, è stato rivendicato dalla branca nordafricana di al-Qaeda, al-Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi). L’attacco è cominciato al bar sulla spiaggia dell’hotel Etoile du Sud. Subito dopo l’inizio della sparatoria, unità delle forze speciali e della polizia locali sono state dispiegate sul posto per evacuare i feriti, lo staff e i clienti degli alberghi della zona, che è molto frequentata da stranieri soprattutto nei fine settimana. Grand Bassam si trova circa 40 chilometri a est della capitale ivoriana di Abidjan. È la prima volta che la Costa d’Avorio è obiettivo di un attacco con queste caratteristiche, ma il Paese era in allerta dopo gli attentati jihadisti contro gli hotel in Mali e Burkina Faso avvenuti negli ultimi mesi.

“I terroristi devono sapere che per quanto sanguinoso sarà il loro odio non riusciranno a piegarci e scuoterci, ovunque essi colpiscano”. Cosi’ il presidente del consiglio Matteo Renzi ha commenta gli attentati ad Ankara e in Costa d’Avorio. “La risposta e la condanna della comunità internazionale sarà ferma, unanime, risoluta”.

Vedi anche

Altri articoli