Così l’Italia entrò in internet. Storia di un piccolo miracolo di trent’anni fa

Innovazione
internetday-bn

Il 30 aprile 1986 la prima connessione tra il nostro Paese e gli Usa. Cosa è cambiato da allora

“Ping…”. “Ok”. La prima conversazione Italia-Usa via internet fu tutta qui. Era il 30 aprile 1986 e gli italiani Luciano Lenzini, Stefano Trumpy e Antonio ‘Blasco’ Bonito non avevano preparato frasi ad effetto per l’occasione. Niente cose del tipo “E’ un piccolo passo per l’uomo ecc. ecc.”. E del resto neanche i media dell’epoca raccolsero il comunicato stampa diligentemente radatto dal Centro di calcolo elettronico (CNUCE) del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa, l’artefice di questo piccolo miracolo. Insomma l’Italia si collegava in rete con molto (troppo) understatement.

Ora però si cerca di rimediare e il presidente del Consiglio Matteo Renzi sarà a Pisa, venerdì prossimo, presso la sede dell’Istituto di informatica e telematica del Consiglio nazionale delle ricerche, a celebrare quest’anniversario con i protagonisti, ma anche a ribadire e precisare l’impegno del governo per la diffusione della banda larga e ultralarga sul territorio nazionale e il ruolo della Rai in questo progetto. Un modo per recuperare una delle tante occasioni perdute della scienza e tecnologia italiane della seconda metà del Novecento e per indicare un cambio di rotta sulle questioni scientifiche e dell’innovazione.

La vicenda del primo collegamento italiano ad internet è la bella storia di uno di quei miracoli italiani di cui è costellato il percorso scientifico-tecnologico nazionale del secondo Novecento: dalla Programma 101, primo personal computer al mondo sviluppato dall’Olivetti, al satellite San Marco, il primo ad essere lanciato con team autonomo di lancio dopo i successi delle due superpotenze; dal moplen di Giulio Natta, al primo satellite italiano per telecomunicazioni Sirio, che batteva sul filo di lana il concorrente europeo OTS. Una storia di miracoli che non riuscivano a dar vita a solide filiere di ricerca e che nella migliore delle ipotesi sopravvivevano affannosamente nella scarsità di risorse.

Che sia questa anche la chiave di lettura del primo collegamento italiano ad internet emerge chiaramente dal bel documentario Login, il giorno in cui l’Italia scoprì internet del Digital Champion Riccardo Luna (che domani alle 15 parteciperà a #matteorisponde proprio per parlare di questi temi) e della regista Alice Tomassini, prodotto da Sturtupitalia! e Rai Cultura, presentato in anteprima nazionale a Roma il 26 aprile (e trasmesso da Rai5 venerdì 29 aprile alle 19,15).

“Il 30 aprile 1986, l’Italia si collegò tra le prime a internet insieme a Norvegia, Regno Unito e Germania Ovest – spiega Riccardo Luna – una posizione da leader che non è stata mantenuta. Oggi siamo i quartultimi in Europa per diffusione e utilizzo della rete”. Il primato di allora – si capisce dal documentario – si deve alla lungimiranza del CNR che, nella Pisa di Galileo a due passi dalla torre pendente, istituisce un centro di calcolo d’avanguardia e spedisce i suoi giovani più promettenti a farsi le ossa negli Stati Uniti, dove l’avventura di internet sta muovendo i primi passi: Lenzini racconta lo stupore di quei coetanei di Boston che studiano e lavorano costantemente attaccati alla radio per sentire le ultime notizie dal Vietnam; Trumpy appare nella tv americana a raccontare, in qualità di controllore del volo di Sirio, come la piccola Italia stia per lanciarsi nelle telecomunicazioni satellitari.

Legami di stima e di amicizia, soprattutto con Bob Kahn, uno dei due padri di internet (l’altro è Vint Cerf), che dapprima permettono all’Italia di entrare nella progettazione del grande esperimento di collegare alcuni paesi europei alla rete americana Arpanet, la progenitrice di Internet, e poi di superare le difficoltà sorte dall’impossibilità di finanziare la tecnologia necessaria allo scopo. Sarà il Dipartimento della Difesa americano a metterci i soldi. Da quel timido “toc… toc” sono passati trent’anni. Ora i soldi ce li mettiamo noi.

Vedi anche

Altri articoli