Cortellesi e Ramazzotti, due amiche e la loro svolta nel nuovo film della Comencini

Trailer
schermata-09-2457640-alle-19-23-33

In “Qualcosa di nuovo” le due attrici interpretano due personaggi agli antipodi, alle prese con un uomo più giovane che apre di fronte a loro nuove e inaspettate prospettive

schermata-09-2457640-alle-19-40-15

Cristina Comencini

Come ha dichiarato la regista, Cristina Comencini, i tre personaggi cardine di Qualcosa di nuovo, in uscita nelle sala italiane il 13 settembre, sono individui che “si prendono una vacanza da loro stessi”, aprendosi a incontri e possibilità che non rientravano nel loro orizzonte quotidiano. È proprio la casualità, l’incontro fortuito e imprevisto, ad aprire nuove strade a Lucia e Maria, due amiche che hanno un rapporto antitetico con il genere maschile: la prima è infatti chiusa nella sua indipendenza, con l’intento di interrompere ogni frequentazione con gli uomini dai quali ha ricevuto solo delusioni; la seconda invece sembra non poter fare a meno della compagnia dell’altro sesso, e non disdegna avventure e frequentazioni. Uno dei ragazzi che Maria porta a casa si rivelerà fondamentale per sbloccare una situazione che appare sedimentata: le due protagoniste avranno modo di guardarsi con occhi radicalmente nuovi, arrivando a mettere in discussione tutti i presupposti delle loro vite.

Interpretato da Paola Cortellesi (che ha scritto il film insieme a Cristina Comencini e Giulia Calenda) e da Micaela Ramazzotti, con Edoardo Valdarnini nella parte del giovane protagonista maschile, Qualcosa di nuovo è tratto dalla fortunata pièce teatrale della Comencini intitolata La Scena.

“Lucia è una donna dura” dice Paola Cortellesi a proposito del suo personaggio, ” non riesce ad aprirsi al mondo, fatta eccezione per la sua amica Maria, che è completamente diversa da lei e forse per questo la libera e la fa sentire un essere umano migliore. E poi arriva qualcosa di inaspettato: un uomo lontano dai canoni adatti a una donna della sua età”. Ed è proprio nell’interazione tra due attrici apparentemente così diverse , “una, Paola Cortellesi, preparatissima e meticolosa; l’altra, Micaela Ramazzotti, più incline all’improvvisazione”, dice la Comencini, che si regge l’ossatura di un film che completa il suo perfetto equilibrio con la “giovanile energia del formidabile attore Edoardo Valdarnini”

Prodotto da Cattleya, Rai Cinema e con il contributo del MIBACT e distribuito da 01 Distribuition, la pellicola è il dodicesimo lungometraggio dalla sessantenne regista romana, che nel 2015 aveva diretto l’ultimo film interpretato da Virna Lisi, Latin Lover.

Vedi anche

Altri articoli