Controllo antidoping a sorpresa, negativo Alex Schwazer

Olimpia
Italian race walker Alex Schwazer (C) attends a press conference in Bolzano, northern Italy, 22 June 2016.
ANSA/STEFAN WALLISCH

Su venti controlli subiti dal 2015 ad oggi, tutti sono risultati negativi ad eccezione di quello dell’1 gennaio incriminato

L’ultimo controllo antidoping fatto ad Alex Schwazer, a sorpresa il 22 giugno scorso, è risultato negativo. Secondo la difesa dell’atleta, squalificato per doping ma a Rio de Janeiro in attesa di essere ascoltato lunedì dal Tas che gli dovrà dare il via libera, o meno, a gareggiare, al marciatore erano state prelevate le urine a Racines (Bolzano). Su venti controlli subiti dal 2015 ad oggi, tutti sono risultati negativi ad eccezione di quello dell’1 gennaio incriminato. I controlli sono stati fatti tutti a sorpresa e quasi tutti fuori dalle competizioni. Campioni di urina sono stati raccolti il 19 e 29 ottobre e il 10 dicembre 2015 e poi, nel 2016, l’1 e 24 gennaio, il 2 febbraio, il 13 e 22 marzo, l’8 maggio (unico controllo in competizione), il 31 maggio e il 22 giugno. I prelievi ematici nei controlli antidoping ufficiali, quasi tutti eseguiti fuori competizione, sono stati svolti in data 1, 24 e 28 gennaio, 2 febbraio, 13 e 22 marzo, 27 aprile e 6 maggio 2016.

Vedi anche

Altri articoli