Cuperlo “ambasciatore” presso la minoranza Pd

Legge elettorale
Roberto Speranza con Gianni Cuperlo nell'Aula della Camera durante l'esame degli emendamenti alla riforma costituzionale, Roma 20 gennaio 2015. ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Spazio strettissimo dopo le nuove bordate di Bersani

Una nuova riunione della commissione del Pd incaricata di trovare una intesa sulle possibili modifiche all’Italicum si è tenuta nella sede del Pd: si è definita una bozza di documento “aperto”, che non entra nei dettagli ma conferma la volontà di introdurre novità alla legge elettorale.

Alla riunione hanno preso parte il vicesegretario Lorenzo Guerini, il presidente Matteo Orfini, il capigruppo alla Camera Ettore Rosato e Gianni Cuperlo della minoranza.

All’uscita i commenti sono stati laconici. “Stiamo ancora lavorando” si è limitato a dire Rosato, mentre Guerini ha affermato “nulla di definitivo, un passo per volta”.

A quanto si è appreso i presenti si sono lasciati con l’obiettivo di aggiornarsi nelle prossime 24-48 ore, durante le quali Cuperlo sentirà le diverse anime della minoranza interna.

Ma da Bersani oggi sono arrivate altre bordate contro il premier-segretario, e d’altra parte l’ex segretario del Pd si è sempre dimostrato assai scettico sulla possibilità di arrivare ad una mediazione unitaria sulla legge elettorale.

Vedi anche

Altri articoli