Colonia sotto choc: decine di donne aggredite in piazza a Capodanno

Germania
Colonia

Sono una sessantina le vittime che hanno sporto denuncia, ma il numero potrebbe salire ancora. Il capo della polizia parla di “una dimensione di reato completamente nuova”

Nel momento di maggiore afflusso di migranti e rifugiati, la Germania si trova ad affrontare un serio problema legato alla sicurezza che porterà ulteriori polemiche all’interno del Paese. L’allarme arriva in particolare da Colonia, dove una vicenda mai accaduta prima ha shockato l’intera popolazione.

Sarebbero infatti una sessantina le donne che avrebbero denunciato abusi di vario tipo – rapine, molestie, palpeggiamenti e almeno uno stupro – nei loro confronti avvenuti nella notte di Capodanno. Violenze avvenute nella città tedesca, nelle zone del duomo e della stazione, da parte di un migliaio di uomini ubriachi, che secondo le denunce potrebbero essere stranieri immigrati. Sulla situazione, decisamente sfuggita di mano all’amministrazione cittadina, è intervenuta il sindaco Henriette Reker che ha convocato i vertici della polizia per coordinare l’unità di crisi e varare misure per tutelare in futuro le donne da violenze di questo genere. Secondo quanto emerge dai media locali, potrebbe trattarsi di vere e proprie violenze organizzate e il numero delle donne che hanno subito violenze potrebbe aumentare nei prossimi giorni, dal momento che alcune potrebbero non aver sporto denuncia.

Secondo le ricostruzioni e le prime testimonianze, gli uomini avrebbero fatto esplodere un’enorme quantità di petardi per poi agire praticamente indisturbati su alcune donne circondandole, isolandole, palpandole e derubandole di soldi e cellulari. La massa di uomini si è divisa in gruppi di una cinquantina di persone che hanno proseguito la loro caccia alle donne fino a notte fonda anche dopo l’intervento della polizia.

Colonia si trova ad affrontare così “una dimensione di reato completamente nuova“, ha commentato il capo della polizia Wolfgang Albers preoccupato anche per l’avvicinarsi del carnevale – dal 4 al 10 febbraio – durante il quale nella città vengono consumate elevate quantità di alcol.

E’ qualcosa di “mostruoso”, ha commentato il sindaco, vittima anche lei di violenza lo scorso ottobre, quando venne accoltellata durante la campagna elettorale che l’ha vista uscire vincitrice. E mentre Recker ha richiesto l’impegno della polizia del Land e di quella federale, la questione è ovviamente arrivata a Berlino, al ministro della Giustizia Heiko Maas, che su twitter commenta: “Sono attacchi intollerabili, tutti i responsabili devono essere portati davanti alla giustizia”.

Vedi anche

Altri articoli