Coalizione “à la carte”, se il fronte passa per gli accordi a due

Terrorismo
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING; NO TV +++


Il presidente francese François Hollande mentre annuncia la chiusura della frontiere: "Dobbiamo difenderci", ha detto in diretta tv, Parigi, 14 Novembre 2015. ANSA/ TV/ BFM TV

In attesa di annientare le “armate” di Daesh, Francois Hollande ha inferto un colpo micidiale al sistema codificato di alleanze

Alleati cercasi. In tutto il mondo. L’importante è che siano pronti ad arruolarsi nella guerra a Daesh. Ognuno in autonomia., perché deve essere chiaro che non esistono organismi sovranazionali che possano pretendere di avere in mano il comando delle operazioni. Alleanze fra Stati che, in guerra, si ritrovano uniti contro il Nemico comune ma che, in questa assunzione di responsabilità, non cedono neanche un briciolo della propria sovranità a Nato, Unione europea e neanche all’Onu, buona solo per garantire un quadro di legalità internazionale entro cui agire “manu militari”.

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli