Civitavecchia, la presidente del consiglio comunale se ne va: “Il Movimento non è più casa mia”

M5S

La giunta Cozzolino non rischia ma è un colpo per il partito grillino

La giunta pentastellata a Civitavecchia ha da tempo problemi seri, ma da oggi c’è anche un abbandono importante: la presidente del consiglio comunale, Alessandra Riccetti, sbatte la porta: “Noi eravamo quelli dello streaming, della trasparenza, della compartecipazione e della condivisione, eravamo
cittadini che entrano nelle istituzioni e si fanno Stato, istituzioni che dovevamo aprire come una scatoletta di tonno. A Civitavecchia nulla di tutto questo è accaduto. Io non mi sento più a casa nel M5S”.
Così ha spiegato all’Adnkronos l’esponente del M5S, “in sofferenza” da circa anno col suo partito.

Non si esclude che almeno un altro paio di consiglieri di Cinquestelle potrebbero condividere il malessere della Richetti. La cui uscita non mette in discussione la giunta del sindaco Andrea Cozzolino ma certo rappresenta un colpo serio alla formazione di Beppe Grillo nel comune del lazio.

Vedi anche

Altri articoli