Cinque anni senza Mario Monicelli

Cinema
20090902 - VENEZIA - ACE. 66°MOSTRA D'ARTE CINEMATOGRAFICA. SERATA INAUGURALE. Mario Monicelli saluta il pubblico assiepato lungo il red carpet. © Andrea Merola/ANSA

Il 29 novembre 2010 moriva Mario Monicelli, uno dei più grandi registi della commedia italiana.

Sono passati 5 anni da quella sera del 29 novembre 2010, quando Monicelli decise di farla finita. Sì perché il novantacinquenne regista romano, minato da un cancro terminale alla prostata, decise di farla finita e si gettò dalla stanza del reparto di urologia dell’ospedale San Giovanni di Roma dove era ricoverato. Con Dino Risi e Luigi Comencini, fu uno dei massimi esponenti della Commedia italiana, una commedia di qualità che portava in risalto le virtù e i vizi degli italiani.  Tutti i più grandi attori italiani sono stati diretti da Monicelli Da Totò ad Alberto Sordi, da Vittorio Gassman a Ugo Tognazzi solo per citarne alcuni. Il suo genio ha valicato i confini italiani, con riconoscimenti agli Oscar, a Berlino e a Cannes.

Lo vogliamo ricordare con 5 indimenticabili scene tratte dai suoi film più amati.

La Grande guerra (1959)

L’armata Brancaleone (1966)

Amici miei (1975)

I nuovi mostri (1977)

Il marchese del Grillo (1981)

 

Vedi anche

Altri articoli