Cinematerapia, sentirsi meglio guardando film

Salute
MediCinema_685

Arriva la cinematerapia nei nostri ospedali: aiuta i pazienti ad affrontare la degenza in maniera positiva offrendo uno spazio dedicato all’intrattenimento e al conforto emotivo del malato

Curarsi con il cinema. Si chiama cinematherapy ed è una vera e propria terapia che aiuta il paziente nel processo di guarigione.

I neuroscienziati hanno studiato questo fenomeno, verificando che la visione di un film provoca, sotto il profilo psicologico, un “effetto pausa” per i malati, aiutando a ridurre la percezione del dolore e creando uno stato di benessere riscontrabile a livello neurologico. Le neuroscienze hanno ulteriormente convalidato questa tesi (neurocinematics) arrivando a misurare gli effetti fisici durante la visione di immagini in movimento e rilevando miglioramenti.

Le principali applicazioni prevedono l’area clinica riabilitativa nei deficit mentali e quella terapeutica relativa a psicosi, nevrosi, disturbi dell’umore, oltre all’area dei pazienti oncologici, e nelle terapie della famiglia.

Ora questo tipo particolare di terapia sbarca anche in Italia grazie a un progetto dell’associazione Medicinema Italia, che punta a realizzare una sala cinematografica in uno dei più grandi ospedali italiani, il Policlinico Gemelli di Roma.

Già sperimentata con successo in Gran Bretagna dal 1996, dove esistono 7 cinema in ospedali appositamente dedicati ai pazienti e ai loro familiari, e importata da ottobre 2013 presso l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (MI) e a giugno 2015 all’interno del centro polifunzionale Spazio Vita, presso l’Ospedale Niguarda di Milano, la cinematerapia ha portato sollievo nei pazienti che si sono sottoposti a questa originale cura.

Ora il progetto sbarca nel più grande ospedale universitario della Capitale. Aprirà a marzo 2016 e sarà in grado di accogliere fino a 130 pazienti, anche non autosufficienti, a letto o in sedia a rotelle.

Per sostenere la cinematherapy al Gemelli e’ partita una campagna di raccolta fondi di una settimana sulle reti RAI: fino al 10 gennaio con una donazione al numero 45599 da rete fissa o mobile si potrà’ dare il proprio contributo.

Tutti gli aggiornamenti sulla campagna sono disponibili su facebook.com/MedicinemaItalia e www.policlinicogemelli.it

 

 

 

Vedi anche

Altri articoli