Chi è Gonzalo Higuain, l’argentino che fa sognare Napoli

Stopper
Napoli's Gonzalo Higuain celebrates the victory at the end of the Italian Serie A soccer match SSC Napoli vs FC Inter at San Paolo stadium in Naples, Italy, 30 November 2015.
ANSA/CIRO FUSCO

Dal River al Napoli, passando per Madrid. Con in testa (e nei piedi) solo una cosa: il gol. Il Pipita mai così determinante, 25 anni dopo Maradona

Gonzalo Higuain è il personaggio del momento, con i suoi gol sta facendo sognare una città intera, Napoli, che da 25 anni attende di vincere il campionato. Era il 1990 e Napoli era follemente innamorata di un altro argentino, anzi dell’argentino Diego Armando Maradona. Ai tempi Higuain viveva a Buenos Aires e aveva quasi 3 anni. Non è nato in Argentina, ma in Francia, a Brest per la precisione, dove il padre Jorge giocava come difensore, il 10 dicembre 1987. Gonzalo ha seguito le orme del padre, anche se in un ruolo diverso e sopratutto con una classe diversa. Ne prende anche il soprannome, il Pipita, mente il padre era chiamato il Pipa.

Inizia la sua carriera nelle giovanili del River Plate, squadra in cui ha militato anche suo padre. Con il River esordisce a solo 17 anni il 29 maggio 2005 al Monumental, la casa dei Los Millonarios, nella sconfitta contro il Gimnasia La Plata. La stagione della consacrazione è il 2006 sotto la guida di Daniel Passarella. I suoi gol non passano inosservati in Europa, e così a fine 2006 all’età di 19 anni viene acquistato dal Real Madrid. Al River ha giocato 41 partite segnando 15 gol, per qualsiasi altro attaccante una media eccezionale, ma per lui è la media gol più bassa della sua carriera.

Esordisce con la camiseta blanca l’11 gennaio 2007 nella partita di Coppa del Re contro il Real Betis, mentre la prima rete la sigla nel derby di Madrid il 24 febbraio. Con il Real gioca 264 partite segnando 121 gol, e vincendo 3 campionati, 2 supercoppe e 1 coppa di Spagna. E’ l’unico compagno di squadra di Cristiano Ronaldo che è riuscito a segnare più gol del fuoriclasse portoghese a Madrid. Ma rimanere al Real per tanto tempo è impresa quasi impossibile e così nell’estate 2013, dopo essere stato scavalcato da Benzema nelle gerarchie offensive, passa al Napoli.

Inizia così l’avventura partenopea, accolto come una superstar da una tifoseria che l’ha amato dal primo momento. Nelle 2 stagioni e mezzo che ha vissuto ai piedi del Vesuvio ha segnato 67 reti in 121 partite, una media fantastica che in pochissimi riescono a tenere. Ma è in questa stagione che stiamo vedendo il miglior Higuain. L’arrivo di Maurizio Sarri sulla panchina napoletana sembra aver giovato al cannoniere argentino. Infatti in questa stagione oltre a fare gol, il Pipita è più partecipe al gioco, corre e si sacrifica per la squadra. Con un Higuain così i tifosi partenopei possono veramente sognare. Un altro argentino, 25 anni dopo, può portare gli azzurri sul tetto d’Italia.

Vedi anche

Altri articoli