Chi è Carlo Calenda, nuovo ministro per lo Sviluppo

Governo
calenda

Da pochi mesi era a Bruxelles come Rappresentante presso l’Ue

Carlo Calenda è nato a Roma nel 1973 ed è laureato in Giurisprudenza con indirizzo diritto internazionale. È lui il nuovo ministro per lo Sviluppo economico, poltrona libera dopo le dimissioni di Federica Guidi in seguito allo scandalo dei petroli in Basilicata.

Era stato nominato da pochi mesi  Rappresentante permanente presso l’Unione Europea a Bruxelles, una nomina inusuale perché si tratta di una carica di solito appannaggio della diplomazia, non della politica.

Prima di Bruxelles, Calenda era viceministro allo Sviluppo economico, incarico che già ricopriva sotto il governo Letta.

Calenda da 2004 al 2008 è stato prima assistente del Presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo, con delega agli Affari Internazionali, e poi Direttore dell’Area Strategica Affari Internazionali di viale dell’Astronomia. Durante il suo incarico ha seguito lo sviluppo e l’implementazione di missioni internazionali, incontri istituzionali e attività di business tra imprese.

Ha lavorato sui principali dossier relativi al commercio e agli investimenti internazionali. Ha seguito numerose delegazioni di imprenditori all’estero e sviluppato azioni di penetrazione economica nei principali mercati mondiali, tra cui India, Cina, Brasile, Russia, Emirati Arabi Uniti,Tailandia, Kazakhstan, Serbia, Romania, Bulgaria, Egitto, Turchia, Algeria, Tunisia, Marocco, Israele, Sudafrica, Messico. Prima di assumere l’incarico in Confindustria è stato responsabile marketing di prodotto e programmazione per Sky Italia, responsabile relazione con le istituzioni finanziarie e responsabile Customer Relationship Management della Ferrari.

Vedi anche

Altri articoli