Causa miliardaria contro Volkswagen

Economia
volkswagen

Al colosso automobilistico tedesco verrà chiesta una cifra record di 40 miliardi di euro

Quaranta miliardi di euro. E’ questa la cifra che i grandi azionisti della Volkswagen hanno intenzione di chiedere al colosso automobilistico tedesco per il dieselgate. Le prime azioni legali contro l’azienda per lo scandalo dei software truccati partiranno già a febbraio.

Secondo quanto riporta il Sunday Telegraph, il legale delle class action Quinn Emanuel e il gruppo Bentham, che seguiranno il caso, stanno infatti contattando i maggiori investitori di Volkswagen per un’azione legale che verrà avviata probabilmente in Germania in base al Securities Trading Act.

Per Richard Oriente, co-managing partner di Quinn Emanuel a Londra i danni potrebbero essere calcolati a partire dal 2009, anno in cui Volkswagen ha iniziato il montaggio dei dispositivi per i suoi motori, sostenendo che se gli investitori avessero saputo della vicenda non avrebbero tenuto o scambiato azioni della casa tedesca.

E mentre in Francia sono in corso le indagini sulla filiale Volkswagen a Villers-Cotterets che avrebbe prodotto circa 950 mila le auto equipaggiate con il software truccato, in Italia il gruppo automobilistico tedesco ha comprato le pagine della stampa italiana per scusarsi con i clienti: “Recentemente abbiamo commesso un grave errore – si legge nel messaggio a pagamento – abbiamo compromesso il rapporto di fiducia che da sempre ci lega. Chiediamo scusa a tutti, in primo luogo a voi clienti”, ma Volkswagen promette di voler fare qualsiasi cosa per recuperare la fiducia dei consumatori, assicurando che “tutti i veicoli sono comunque tecnicamente sicuri”.

Vedi anche

Altri articoli