Caso Cucchi, si chiude il quarto processo ai medici: tutti assolti

Cronaca
Stefano Cucchi

È ancora in corso l’inchiesta bis che vede indagati cinque carabinieri che avrebbero ostacolato la corretta ricostruzione dei fatti

Ancora assoluzione. Dopo oltre tre ore di camera di consiglio è stata confermata in appello l’assoluzione dei 5 medici che hanno avuto in cura Stefano Cucchi nell’ospedale Sandro Pertini di Roma prima della morte del giovane, il 22 ottobre del 2009, avvenuta a una settimana dall’arresto del ragazzo per detenzione di droga. La sentenza è arrivata dalla terza Corte di Assise d’appello della capitale nel processo bis, che vedeva imputati Aldo Fierro, primario all’epoca dei fatti, Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis e Silvia Di Carlo.

I cinque medici erano stati condannati in primo grado per omicidio colposo e poi assolti in appello: è stata poi la Corte di Cassazione che nel dicembre scorso ha annullato le assoluzioni, disponendo quindi un appello-bis.

Il pg Eugenio Rubolino, aveva chiesto quattro anni di carcere per Fierro, e tre anni e sei mesi per gli altri quattro medici. Nel procedimento erano presenti come parti civili il Comune di Roma e Cittadinanzattiva.

Mentre il quarto processo ai medici si conclude, è ancora in corso la perizia medico legale sul caso nell’ambito dell’inchiesta bis sulla morte del giovane che vede indagati cinque carabinieri. Secondo la nuova indagine Cucchi venne picchiato dai carabinieri e ci fu una strategia scientifica per ostacolare la corretta ricostruzione dei fatti.

Il nuovo incidente probatorio ha il compito di rivalutare il quadro di lesività sul corpo del giovane anche al fine di stabilire la sussistenza o meno di un nesso di causalità tra le lesioni subite a seguito del pestaggio e la sua morte. In questa inchiesta sono indagati Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro, Francesco Tedesco per lesioni personali aggravate e abuso d’autorità, e Vincenzo Nicolardi (che deve rispondere anche di false informazioni al pm) e Roberto Mandolini per falsa testimonianza.

Vedi anche

Altri articoli